Le rotte dei Caraibi

Le rotte dei Caraibi


Gli antichi sostenevano che all’estremità dell’ Asia si trovava il Paradiso Terrestre e lo confermava  la prima cartografia medievale, dopo la scoperta delle rotte nell’ Atlantico si credeva esservi una via per giungervi e quando Cristoforo Colombo arrivò nelle Antille si pensò che si era realizzata quella  scoperta del Paradiso,ne ebbe conferma dai rilievi coperti di foresta tropicale fino a spiagge bianchissime sul mare di smeraldo, uccelli di tutti i colori sciamavano a centinaia tra gli alberi e animali ignoti che frusciavano rapidi nel sottobosco vellutato, piante dai frutti rigogliosi nell’aria profumata dalle essenze di una natura splendida e selvaggia. Con il suo  secondo viaggio Colombo  trovò le isole Vergini incrociando poi Antigua e la lussureggiante Dominica, la profumata Grenada ed altre, nel terzo viaggio dalle Barbados  raggiunse le più merdionali Trinidad  e Tobago e nell’ ultimo viaggio navigò ancora nell’arco  caraibico che va da Santa  Lucia alla grande Cuba e la vicina Portorico, perfezionando quella rotta seguita da tutti gli altri navigatori che collegava la prima colonia sorta sulla Navidad che aveva fondato ad Hispaniola Santo Domingo  al continente. La rotta seguiva il ventaglio di isole scoperte da Cristoforo Colombo e dagli altri primi esploratori che offrivano rifornimenti e approdi sicuri, tutte ribattezzate dagli inglesi Leeward o Isole  Sottovento e isole Windward  o del Vento Settentrionali e Sopravento Meridionali. Vette di montagne sommerse formate da antichi vulcani che si congiungono al continente nelle profondità marine e che emergono, una dopo l’altra, dai riflessi corallini del mar dei caraibi come lembi di paradiso. Le isole che si stendono come un grande arco nel mare caraibico furono chiamate  Antille dalle misteriose terre di  Antilia degli antichi geografi,  le Grandi vanno dalla Giamaica e la vasta  Cuba a Santo Domingo e la vicina Portorico, tutte le altre sono le Piccole Antille, una multitudine di isolette coperte di vegetazione e difese dai flutti atlantici dalle barriere coralline.  Con la Tratta atlantica degli schiavi africani e il turpe commercio che ne venne, sono diventate piccole scaglie d’ Africa  e strane usanze dai riti antichi come quelli  giunti dai Paesi  Vudù  e origini perse nelle stive delle navi negriere e nel sudore secolare delle piantagioni .

Dopo la strage delle tribù Caribe  che vi abitavano e il genocidio dei Taino,  fiorirono piantagioni e traffici, città e porti incrociati dai vascelli europei, poi le catene furono spezzate e gli schiavi divennero braccianti ai quali si aggiunsero immigrati meticci, europei, indiani e cinesi in una babele di razze, tradizioni, lingue e religioni unite nelle prime colonie spagnole, le successive britanniche, le Antille francesi e i Caraibi olandesi.

A lungo  le rotte dei pirati dominarono quei mari con le isole che si popolavano sempre più  dalla spagnola e meticcia Cuba alla britannica negritudine di  Giamaica , dai bastioni castigliani di Portorico a Santo Domingo che si divide l’ antica Hispaniola con la francofona  Haiti creola. Poi è un susseguirsi di isolette, ognuna uno staterello dove i discendenti degli schiavi neri hanno assunto vizi e virtù dei vecchi padroni bianchi: olandesi a Saint Martin o Maarten, le isole di Bonaire e l’ attiva Curaçao, francesi a  Guadalupa e la creola Martinica, britannici da St.Lucia alle Barbados, l’isola delle spezie Grenada, l’aristocratica Antigua, l’ indigena Dominica e il costiero  Belize , ormai confusi tra indiani e cinesi a Trinidad Tobago. Dalla scoperta di Cristoforo Colombo e le successive esplorazioni del Nuovo Mondo America, si rivoluzionò  l’economia mondiale e i domini delle grandi potenze europee dal primo portoghese poi decaduto all’ impero spagnolo , il colonialismo francese e il contemporaneo britannico che divenne il più esteso, il flusso commerciale con l’ America divenne primario provocando la decadenza della via delle spezie e le tradizionali rotte con l’ Asia orientale.

© Paolo del Papa Viaggiatori ed esploratori. Vol. America:Le rotte dei Caraibi.

Photo gallery: Caraibi | Nuovo Mondo

Previous La conquista del Continente
Next Le ultime esplorazioni in America

About author

You might also like

Esplorazioni

Esplorazioni francesi nel Pacifico

Bouganville tra Polinesia e Melanesia Mentre James Cook affrontava la sua prima spedizione, dal 1766 per tre anni un’ altro grande esploratore si inoltrò nel  Pacifico per svelarne i misteri,

Esplorazioni

Romolo Gessi

Seguendo gli itinerari di molti esploratori nei mie viaggi in Africa, ho trovato le suggestioni sulla Via del Nilo dall’ arida Nubia attraverso il Sudan meridionale tra le popolazioni nilocamite

Esplorazioni

James Bruce

Il vigoroso gentiluomo di campagna scozzese appassionato di viaggi e avventure James Bruce, nel 1763 fu console britannico in Algeria interessandosi ai  siti dell’ Africa romana algerini quando fu sostituito