AmericaAmerica SettentrionaleColoradoStati UnitiStoria del West

Storia del Colorado

Antenati ancestrali

La regione del Colorado fu in parte territorio dell’antica cultura fondata dal popolo ancestrale degli Anasazi, che hanno lasciato i resti di villaggi tra i canyons e le caverne in tutti i loro domini,  nella regione più sud occidentale, poco distante dalla città di Durango si apre  il più grande  centro lasciato dalla da quella cultura in  Colorado  con i grandiosi ed affascinanti resti nel sito di Mesa Verde che si stende tra gli edifici dalle molte stanze collegate tra loro, Kiva cerimoniali e le suggestive abitazioni rupestri affacciate sulla scogliera del canyon. Uno dei grandi centri  fondati dalla grande cultura del popolo ancestrale degli  Anasazi che dominò gran parte del sud ovest nordamericano, dallo Utah a nord ai territori  più meridionali che si stendono in Arizona e più ad ovest verso la valle del Rio Grande in quelli limitrofi del New Mexico, antenati di quei nativi del sud ovest chiamati dagli spagnoli Pueblo. Nella stessa regione  attraverso la  contea di Montezuma nel territorio del sud occidentale,  non distante dalla città di Cortez  le  antiche popolazioni precolombiane hanno lasciato i loro resti nel vasto sito Historic National Monument  di  Ancients, oltre seimila resti tra villaggi, abitazioni di scogliere, dighe, grandi kiva cerimoniali, santuari, sorgenti sacre, incisioni e petroglifi rupestri. Proseguendo il suggestivo  National Monument di  Hovenweep  con il pueblo fondato a metà del XIII secolo lasciando i resti degli edifici dalle molte abitazioni collegate tra loro e diversi kiva. Nella stessa zona i trova il suggestivo Tribal Park di Ute Mountain con altri resti di  abitazioni, kiva, incisioni e dipinti rupestri  lasciati dagli antenati dei nativi Ute. Il resto del territorio del Colorado era popolato da indigeni di medesima stirpe che vi fondarono la più antica  cultura  nota come Hohokam e successivamente dall’ VIII secolo fino alla metà del XVI si impose quella dei Patayan  che si estendeva  dalla più occidentale regione  della  California, lungo la penisola della Baja California, parte di quello dell’ Arizona e l’ altipiano attraversato dal  fiume Colorado  fino al territorio  attorno al  Gran Canyon.

Nativi ed esplorazioni

Quando quelle comunità vennero abbandonate giunsero alcune popolazioni e tribù dalle pianure centrali come gli Iiraraapuhu, chiamati dai primi europei che entrarono nel loro territorio Arapaho, i più meridionali Nermurnuh o Veri Uomini come si definivano i Comanche che condividevano quelle vaste regioni con i Tsistsistas  del sud o Nostro Popolo  della grande Nazione  Cheyenne, mentre il più arido territorio  a sud ovest dal XV secolo divenne dominio dei fieri e bellicosi Dineh poi noti come Apache. Come negli altri territori del sud ovest i primi europei ad avventurarsi nel Colorado furono i conquistadores spagnoli nel XVI secolo che si spinsero a nord dalla colonia della  Nueva España in Messico nella vana ricerca di oro lasciandolo ben presto senza colonizzarlo, rimase isolato fino alle varie spedizioni dei francesi in nordamerica e nel  1682  l’esploratore René Robert Cavelier de La Salle dopo aver esplorato il Colorado orientale lo rivendicò alla corona francese. Dopo la rivendicazione di La_Salle nel 1705 vi giunse una spedizione guidata dall’ ufficiale ed esploratore spagnolo Juan Ulibarri che reclamò il territorio per il vicereame  Nueva España del Messico coloniale. Nel controverso possesso del Colorado la metà orientale fu annessa dagli Stati Uniti dopo l’ acquisto della  Louisiana  francese nel 1803, mentre nel 1821 il Messico indipendente  ereditò dalla colonia spagnola il controllo dellla regione occidentale. Dopo la guerra  Usa Messico, durata due anni dal 1846 con la vittoria statunitense, tutti i territori del sud ovest passarono ai vincitori per il trattato  di  Guadalupe Hidalgo.  Il Colorado fu inizialmente spartito tra il definito Territory del Kansas e quello che dal 1850 per oltre quaranta anni fu l’altro Territory dello Utah ad ovest, divenuto il  quarantacinquesimo  degli Stati Uniti nel 1896 conservando il nome di Utah, con alcune zone più ridotte assegnate al territorio del Nebraska a nord per tredici anni dal 1854 e, oltre il confine meridionale,  con l’ altro annesso Territory proclamato molto dopo il quarantasettesimo stato dell’ Unione nel 1912 come New Mexico,  nella zona più meridionale alle pendici orientali delle maestose  Rocky Mountains.

Il Colorado Territory

In quello che all’ epoca era ancora il Kansas Territory, nel 1855 venne istituita la prima grande contea di Arapahoe  che andava dal Kansas occidentale attraverso il Colorado fino all’angolo nord orientale del New Mexico, su una pista che diramava dal lungo percorso verso ovest dell’Oregon trail nel 1850 una carovana che attraversava la regione  percorsa dal  fiume South Platte  diretta verso il territorio californiano, a nord della  sua confluenza seguì l’ affluente  Clear Creek per un breve tratto ove Lewis Ralston trovò frammenti d’oro nel torrente.  Tornato otto anni dopo dalle vie della corsa all’ oro in California, Ralston  fu ancora sul South Platte River alla confluenza con il Little Dry Creek assieme al William G.Russell  che scoprì  i primi filoni d’ oro nei  pressi di Orchard Place ove sorse il centro fondato da  Thomas Skerritt e dal 1879 divenuta la città di Englewood . Poco dopo nel 1858, tra le montagne, vicino al piccolo centro che divenne la città di Denver, furono scoperti altri ricchi giacimenti auriferi alla confluenza del torrente di Ralston con il Clear Creek nei pressi del centro ove poi sorse la cittadina di Arvada. Nello stesso anno fu fondato il primo centro minerario nei pressi del giacimento aurifero poi chiamato Montana_City sulla sponda orientale del fiume, rivelatosi scarso venne trovato  un altro  giacimento poco distante  alla confluenza  con il Cherry_Creek fondando  un nuovo centro chiamato St.Charles. L’anno dopo sulla sponda meridionale  del Cherry Creek i cercatori guidati da William Greeneberry Russell, fondarono il più ricco centro di Auraria , nello stesso periodo  sui limitrofi  terreni acquisiti dal generale William_Larimer e il capitano Jonathan Cox  furono costruiti i primi edifici ove poi sorse quella che divenne la città di Denver e ben presto in questo territorio  iniziò la corsa all’ oro nota come il Pike’s Peak che attrasse almeno centomila tra cercatori ed avventurieri.

Pionieri e guerre indiane

Nel periodo della grande migrazione ovest molti pionieri si fermarono in questo territorio su piste che diramavano dal lungo percorso dell’ Oregon trail ed alcuni seguirono gli itinerari della vecchi frontiera a sud ovest verso il New Mexico ove sorsero centri, villaggi e cittadine che hanno fatto la storia del mitico  Far West. Scendendo dal centro minerario che poi divenne e la  capitale Mile High City  di  Denver , attraverso i territori centro occidentali si collegavano all’altro lungo percorso dell’ Old Spanish Trail. Nella sud occidentale San Juan Country dalla città Silverton si snodava la pista divenuta la Skyway Scenic Byway di  San Juan attraverso le omonime montagne che corre parallela alla  ferrovia a scartamento ridotto nota come D&Sng o Durango and Silverton Narrow Gauge Railroad fino alla città di Durango fondata come centro per il distretto minerario di San Juan  sulla linea ferroviaria  Denver & Rio Grande Western Railroad o Drgw Rail,  fondata nel 1870 come la prima linea ferroviaria a scartamento ridotto che collegava  la città di Denver all’ El paso Country e quella che sarebbe poi divenuta la grande città di Colorado Springs . Come avvenne fin dal decennio precedente con le vie per la corsa all’ oro in California, anche in quello che divenne il grande Pike’s Peack della  Gold Rush del Colorado, furono invasi gli antichi territori dei nativi scacciando e  perseguitando tribù e comunità.   Per scacciare i nativi dalle pianure orientali e con la scusa di proteggere le carovane di pionieri che percorrevano l’ Overland Trail lungo il South Platte River, dal 1863 fu scatenata la cosìdetta Colorado War contro l’ alleanza delle tribù meridionali dei Cheyenne che condividevano quel  il territorio con gli Arapaho delle pianure centrali, gli altrettanto fieri Nermurnuh noti come Comanche, assieme alle comunità che popolavano le pianure dell’ Oklahoma dei Kiowa .Terminata nel 1865  con lo sterminio e il confinamento in riserve di varie comunità tribali, durante la  guerra indiana del Colorado, oltre agli scontri con i nativi, l’ esercito statunitense attaccò villaggi inermi come nel massacro di Sand Creek sull’ omonimo fiume del Colorado ove nel novembre 1864 il reparto dell’ esercito statunitense  guidato dal colonnello John Chivington  attaccò un villaggio di Cheyenne ed Arapaho mentre gli uomini erano caccia fecendo strage di donne e bambini. Dopo quella prima guerra del Colorado, le ostilità continuarono  e sul terriotorio della Roger Mills County in Oklahoma sul fiume  Washita  nel 1868  un battaglione guidato dall’altrettanto sanguinario colonnello George_A. Custer attaccò un villaggio di Arapaho e  Cheyenne meridionali del capo  Black Kettle  che ra sopravvissuto a massacro di Sand Creek, finito anch’ essa in una strage di nativi, ma celebrato come la  battaglia del  Washita , iniziando un nuovo capitolo nel genocidio degli indiani d’America completato nella seconda metà del XIX secolo.

La corsa all’oro del Pike’s Peack

Mentre se ne sterminavano i nativi, dal  1861 il governo statunitense assunse il pieno controllo sul Territory del Colorado durante la Guerra di Secessione  alla fine della presidenza di  Buchanan e rimase tale per quindici anni fino al 1876 quando fu incorporato  come Stato dell’Unione durante la presidenza di Grant.  Nel frattempo sorsero molti nuovi centri i divenuti fiorenti cittadine nei pressi delle varie miniere del   Colorado, ad ovest di quello ove venne poi fondata la  Mile High City di Denver, verso il territorio centro settentrionale  dove scorre il torrente  affluente del South Platte River Clear Creek furono rivenuti tra i più ricchi giacimenti.  A Gregory Gulch nella contea di  Gilpin  venne scoperto il primo filone d’ oro  nel 1859 da John H. Gregory attirando migliaia di cercatori nel centro che  divenne la cittadina di Black Hawk, ma poco dopo il rapido esaurimento del giacimento, ne fu trovato un’ altro vicino  ove furono aperte le miniere della  Sterling Gold Society e la Gold Hill Mining Company  fondando Central_City con le fonderie dirette dall’ ingegnere minerario e imprenditore Nathaniel_P._Hill. Le due cittadine fiorirono a lungo con le miniere divenendo frequentati centri per il gioco d’azzardo, rimaste tali dopo l’ esaurimento dei giacimenti dall’ inizio del XX secolo, mentre la cittadina di  Nevadaville  fondata nel 1860 divenne quasi una città fantasma con l’ abbandono dei giacimenti.Poco a sud nella contea di Clear_Creek, furono scoperti altri giacimenti nel Crear Creek Canyon ove venne fondata la cittadina chiamata Idaho_Springs per le sue sorgenti d’ acqua calda e ad ovest altri ne vennero scoperti nella la contea di  Summit  dai fratelli Weaver ed altri cercatori a Gold Run, sullo Swan River e il fiume Blue , alla confluenza con il French Gulch venne fondata la cittadina di  Breckenridge come distretto minerario  sui giacimenti  lungo il Blue River e il fiume  Swan, fiorito fino al loro esaurimento nei primi decenni del XX secolo. In quel periodo della corsa all’ oro nel 1859  venne istituito il Territory di   Jefferson e vi fu fondato il centro minerario divenuto la ricca città di Golden  che prese nome da uno dei primi cercatori che vi scoprì giacimenti auriferi Tom Golden. Tra le prime diciassette del Colorado Territory,  in quello che fu chiamato l’ Urban_Corridor del Front Range,  nel 1861 vi venne istituita la contea di  Douglas ove erano stati trovati ricchi  giacimenti auriferi nella valle del Cherry Creek nei pressi di Russerville. Tra le montagne di  Woodland Park nasce il fiume Fountain Creek ove,  lungo il suo corso a valle durante la corsa all’ oro, nel 1859 fu fondato il centro minerario con la cittadina di Old Colorado. Nello stesso periodo ad ovest, ove si stende il territorio che divenne la contea di  Fremont, per i giacimenti nell’alto corso  fiume Arkansas e  la limitrofa pianura di South Park   venne fondato un centro minerario, che poi  divenne la città di  Canyon, dal 1880 collegata a Denver e Santa Fe in New Mexico con la panoramica ferrovia dell  Royal Gorge, altri ricchi  giacimenti vennero scoperti  nella vicina regione del Cripple Creek e  più a sud  nel territorio ove fu poi  istituita la contea centro orientale  di  El_Paso  nel 1871.

L’argento del Silver Boom

Con l’ esaurimento dei giacimenti auriferi, nel  1876 furono scoperti filoni d’ argento nella Lake County nei pressi di Leadville , attirando di nuovo una gran quantità di cercatori ed immigrati iniziando quello che fu chiamato il Silver Boom aprendo nuove miniere fino all’ ultimo grande giacimento scoperto  sul Willow Creek Canyon nel 1889 ove dal centro vicino alla vecchia miniera di Alpha  sorse la città di Creede. La nuova epopea mineraria si estese tra le montagne  che si ergono nella  contea di  Park con i vari giacimenti auriferi, di argento, piombo e zinco , ove ad oltre tremiladuecento metri sorse il centro di Alma divenuto il più alto villaggio della regione assieme alla cittadina fondata nel 1877 come Leadville  per  sfruttare i ricchi filoni d‘argento  del suo vasto Mining_district. Trovati due anni dopo  anche lungo l’Egle River sotto la Battle Mountain  nella contea di Eagle  ove nel 1879  venne fondato centro minerario con il villaggio di Red Cliff  e non distante la Ground Hog Mine di  John Clinton con il centro che dal 1887 divenne la  cittadina di Gilman.Con il Silver Boom Fino all’ inizio del XX secolo sorsero diversi centri, villaggi  e cittadine vicino alle varie e  ricche Silver_mining ove furono poi portate le estensioni delle ferrovie tra le  montagne come la Railroad di Denver, South Park and Pacific a tra Denver a  Leadville e nel 1880 la Roarring di Fork Valley che collegava  all’ altro centro minerario ove venne fondata la città  di  Aspen.   Nel 1875 altri giacimenti vennero trovati a sud ovest tra le omonime montagne della contea di  San Miguel  ove fu fondato il centro di Columbia che  dal 1887 divenne la città di Telluride, nel 1890 Robert Miller scoprì uno degli ultimo giacimenti auriferi del Colorado lungo il torrente Cripple Creek  verso il versante occidentale del massiccio di Pikes Peak,  attirando migliaia di cercatori  nel centro minerario che divenne poi la cittadina di Cripple Creek,  non distante sorse la grande miniera Indipendence Mine and Mill dell’ imprenditore Scott_Stratton e sul vicino centro minerario  di Victor Mine nel 1894 venne fondata  la città di Victor. L’ estrazione dell’ argento risollevò i vecchi centri minerari della corsa all’ oro fondandone di nuovi, ma l’ abrogazione dello Sherman Act Silver Purchase che garantiva l’ acquisto governativo dell’ argento provocò il disastroso Crash  del 1893 nel prezzo e commercio dell’ argento sprofondando in una grande crisi tutto il territorio nota come il 1893 Panic  e molti centri minerari furono abbandonati divenendo città fantasma, tra le molte ghost_towns del Colorado.

Minatori del Colorado

Mentre prosperavano le grandi compagnie, le condizioni dei lavoratori nelle miniere del  Colorado erano disastrose, tra gli altri il distretto minerario dell’ l’ Indipendence Mine and Mill di Stratton era uno dei più grandi e floridi   della regione e nel 1894  vi iniziò il grande sciopero nelle miniere di Cripple Creek durato cinque mesi e duramente represso, ma  vennero accolte alcune rivendicazioni salariali. Due anni dopo quella prima vittoria nell’altro grande  distretto di Leadvillei nascenti sindacati operai organizzarono il grande sciopero di  Leadville con il proprietario John Campion che assunse agenti provocatori per creare scontri scatenando  la repressione in un violento conflitto anch’ esso finito con l’accoglienza alcune rivendicazioni. Pochi anni dopo  dal 1903 per un anno il distretto minerario fu teatro del lungo conflitto che fu chiamato  Labor Wars tra i proprietari con le loro milizie private e la Colorado National Guard contro i minatori in sciopero in violente repressioni con numerose vittime e nello stesso anno gli le rivendicazioni dilagarono con gli scioperi nelle miniere di   Idaho_Springs anch’essi duramente repressi.  Parte dei giacimenti minerari furono acquisiti dalla Colorado Fuel and Iron Company di  Rockefeller, nella Las Animas County  poco distante dalla città di Trinidad la miniera di Ludlow,  impiegava in gran parte immigrati che entrarono pacificamente in sciopero alla fine del 1913, per reprimerlo  la propietà dei Rockefeller fece mobilitare la Guardia Nazionale e  nell’ aprile del 1914 i vigilantes spararono sui minatori e le famiglie uccidendone  ventuno compresi donne e bambini e ferendone diverse decine in quello che è ricordato il massacro di Ludlow. Tra gli altri scioperi e manifestazioni violentemente repressi nella Jefferson County fu protagonista la città di Columbine,  quando nel 1927 fu organizzato un pacifico sciopero sindacale di  lavoratori con mogli e figli fronteggiati dai vigilantes e i  rangers al comando di Louis Scherf  che fece aprire il fuoco con le mitragliatrici in quello che fu noto come il massacro di  Columbine. Come nel resto degli Stati Uniti, gli effetti della Grande Depressione con la crisi del 1929 furono devastanti sprofondando nell’ indigenza la popolazione per anni, ma dopo la seconda guerra mondiale vi fu una notevole ripresa  con l’ arrivo di una nuova grande migrazione e il turismo nella regione di Denver nata dalla corsa all’oro e divenuta la Denver Mile High City, la maestosa catena delle Rocky Montains e  nel resto del territorio  protetto dalle riserve e  gli altri magnifici parchi del Colorado.


Photo Gallery

Articoli Affini

Ti interessa?

Close
Back to top button