AmericaAmerica SettentrionaleColoradoStati UnitiStoria del West

Miniere del Colorado

Ove il territorio del Colorado si stende  lungo la maestosa catena delle  Montagne Rocciose, venne aggiunto un nuovo capitolo della lunga e controversa  storia del West nella ricerca di terre e ricchezze verso ovest  dopo le vie aperte dal Golden Rush della corsa all’ oro californiana, in quello che all’ epoca era ancora il Territory del  Kansas , nel 1855 nella regione venne istituita la prima grande contea di Arapahoe  dal Kansas occidentale attraverso il Colorado fino all’angolo nord orientale del New Mexico.

L’ oro del Pike’s Peak

Al centro di quel territorio sul South Platte River alla confluenza con il Little Dry Creek,  nel 1858 il cercatore  William G. Russell  scoprì  i primi filoni d’ oro nei  pressi del centro di Orchard Place fondato da  Thomas Skerritt e dal 1879 divenuta la città di Englewood, poco dopo nel 1858  venne fondato il primo centro minerario nei pressi del giacimento aurifero che poi fu chiamato Montana_City sulla sponda orientale del fiume. Ben presto il giacimento si rivelò molto scarso e venne   spostato poi poco distante  alla confluenza  con il corso del  Cherry_Creek un nuovo insediamento chiamato St.Charles, l’anno dopo i cercatori guidati da William Greeneberry Russell, poco distante sulla sponda meridionale  del Cherry Creek, fondarono l’ altro più ricco centro di Auraria  che nello stesso periodo venne reclamato dal generale William Larimer  e il capitano Jonathan Cox  costruendo i primi edifici ove poi sorse quella che divenne la città di Denver. Poco oltre furono scoperti altri ricchi giacimenti auriferi  e ben preso iniziò la corsa all’ oro di Pike’s Peak che attrasse almeno centomila tra cercatori ed avventurieri in quello che divenne il grande  Gold Rush del Colorado e  come avvenne dal decennio precedente con l’ apertura delle vie per la corsa all’ oro in California furono invasi gli antichi territori dei nativi scacciando e  perseguitando tribù e comunità. Alcune cercarono di reagire e l’ esercito statunitense  dal 1863 per due anni scatenò la  guerra indiana del Colorado contro l’alleanza dei guerrieri  Gens de Vache come i francesi avevano chiamato gli Arapaho e i fieri Tsistsistas  delle pianure orientali del Colorado Territory noti come  Cheyenne, terminata  con lo sterminio e il confinamento in riserve di tutte le tribù. Una delle varie guerre indiane segnata dalle violenze dell’ esercito statunitense come nella Kiowa County quando il collonello Chivington  attaccò un villaggio di Cheyenne meridionali che convivevano con comunità di Arapaho consumando il massacro di Sand Creek  in gran parte donne e bambini, segnando un altro capitolo nello spaventoso genocidio degli indiani d’ America. Nel frattempo, mentre se ne sterminavano i nativi, dal  1861 il governo statunitense assunse il pieno controllo sul Territory del Colorado durante la Guerra di Secessione  alla fine della presidenza di  Buchanan e rimase tale per quindici anni fino al 1876 quando fu incorporato  come Stato dell’Unione durante la presidenza di Grant. Per oltre un decennio sorsero molti nuovi centri minerari divenuti fiorenti cittadine nei pressi delle varie Gold_mining in Colorado, ad ovest di quello ove venne fondata la città di Denver, verso il territorio centro settentrionale  per un centinaio di chilometri scorre il torrente Clear Creek affluente del South Platte River e sul suo corso furono rivenuti tra i più ricchi giacimenti.  Nella contea di  Gilpin a Gregory Gulch venne scoperto il primo filone d’ oro  nel 1859 da John H. Gregory attirando migliaia di cercatori nel centro che  divenne la cittadina di Black Hawk, ma poco dopo il rapido esaurimento del giacimento, ne fu trovato un’ altro vicino  ove furono aperte le miniere della  Sterling Gold Society e la Gold Hill Mining Company  fondando Central_City con le fonderie dirette dall’ ingegnere minerario e imprenditore Nathaniel_P._Hill. Le due cittadine contigue fiorirono a lungo con le miniere, estese con nuovi quartieri ed edifici, saloon e casinò divenendo frequentati centri per il gioco d’azzardo che rimasero tali dopo l’ esaurimento dei giacimenti auriferi dall’ inizio del XX secolo. Vicino sorsero altre miniere dove venne fondata Nevadaville nel 1860 che divenne quasi una città fantasma con l’ abbandono dei giacimenti esauriti, lasciando alcuni edifici dell’ epoca come il tempio Masonic costruito nel 1861 dalla comunità massonica del centro ancora frequentato. Poco a sud nella contea di Clear_Creek, dove nel’ omonimo torrente sfocia il Chicago Creek, i primi giacimenti auriferi furono scoperti nel Crear Creek Canyon e vi sorse una delle più grandi miniere sotterrane della regione note come  hard rock con la cittadina che per le sue sorgenti d’ acqua calda venne chiamata Idaho_Springs.  Anch’ essa come centro minerario venne fondata la città di Arvada fiorendo nei decenni successivi per i ricchi giacimenti auriferi nel territorio del Clear Creek e ad ovest altri ne vennero scoperti nella la contea di  Summit . I primi nel 1859 dai fratelli Weaver ed altri cercatori a Gold Run, sullo Swan River e il fiume Blue nel territorio ove alla confluenza con il French Gulch venne fondata la cittadina di  Breckenridge fiorita a lungo come distretto minerario  sulle ricche  miniere lungo il Blue River e il fiume  Swan fino al loro esaurimento nei primi decenni del XX secolo. Durante la corsa all’ oro venne istituito il Territory di   Jefferson nel 1859 e nello stesso anno vi fu fondato il centro minerario divenuto in breve la ricca città di Golden , così chiamata in onore di uno dei primi cercatori che vi scoprì giacimenti auriferi Tom Golden, fino al 1867 fu il centro amministrativo della regione e capoluogo di quello che era ancora il Territory del Colorado prima della sua ammissione come stato dell’ Unione. In quello definito l’ Urban_Corridor del Front Range,  tra le prime diciassette contee del Colorado Territory,  nel 1861 vi venne istituita quella di  Douglas ove tre anni prima vennero scoperti giacimenti auriferi nella valle del Cherry Creek nei pressi di Russerville. Dai monti attorno  Woodland Park si trovano le sorgenti ove nasce il fiume Fountain Creek, un tempo noto come Fontaine Bouille affluente dell’ Arkansas River  ove,  lungo il suo corso a valle durante la corsa all’ oro del Pike Peak, nel 1859 fu fondato il centro minerario con la cittadina di Old Colorado che nei decenni successivi si è espansa divenendo capitale dello stato nel 1861 spostata poi a Denver. Ad ovest in quella che con la divisione territoriale  divenne la contea di  Fremont , nel 1858 vi fu fondato un centro minerario per i giacimenti nella vasta pianura di South Park  e nell’alto corso  fiume Arkansas, che poi ne divenne il capoluogo con la città di  Canyon  fondata nel 1858 come  centro per il minerale estratto nelle pianure di  South Park.  Estesa dal 1880 con i collegamenti per Santa Fe e Denver attraverso la panoramica ferrovia sulla Royal Gorge Rail  e con il sorgere di fonderie dopo la scoperta altri di giacimenti auriferi nella vicina regione del Cripple Creek, mentre più a sud  nel 1871 vi fu istituita la contea centro orientale  di  El_Paso, da tempo frequentata da cercatori e coloni dopo che nel 1858  furono  anche qui scoperti giacimenti auriferi.

L’argento del Silver Boom

Fin dal 1864  i primi giacimenti d’ argento vennero scavati nella Contea di Clear Creek, nei pressi ove nella durante la precedente corsa all’ oro era stata fondata la cittadina di Georgetown e nel  1876 furono scoperti altri  grandi filoni d’ argento nella Lake County nei pressi di Leadville  che attrasse nella regione una gran quantità di cercatori ed immigrati iniziando quello che fu chiamato il Silver Boom nella ricerca dell’argento aprendo nuove miniere, l’ultimo grande giacimento fu scoperto  sul Willow Creek Canyon nel 1889 ove dal centro vicino alla vecchia miniera di Alpha  sorse la città di Creede. Sempre nel vasto territorio della Denver Area la contea di  Park è fiorita con i vari giacimenti auriferi, di argento, piombo e zinco  fin dalla prima miniera dell’ Orphan Boy aperta nel 1861 con la fondazione del centro che è poi divenuto il villaggio di Alma ad oltre tremiladuecento metri tra le montagne come il più  alto della regione, poco più della cittadina di Leadville fondata nel 1877 quando  nei pressi furono trovati ricchi filoni d‘argento aprendo il   Mining_district . Oltre altre limitrofe dal 1879, anche nella contea di Eagle vennero scoperti filoni d’argento  sui i contrafforti della Battle Mountain e lungo l’Egle River ove sorse il centro minerario con il villaggio di Red Cliff da dove l’ imprenditore minerario John Clinton tra le vicine montagne trovò altri ricchi filoni  di oro ed argento  e dal 1887 dalla Ground Hog Mine venne  fondata la cittadina di Gilman fiorita fino all’ esaurimento dei giacimenti nel 1920. Durante la nuova corsa all’ argento in Colorado per quasi un ventennio sono sorte diverse e ricche Silver_mining  con vari centri fondati accanto alle miniere divenuti fiorenti villaggi e cittadine, poi collegati da estensioni delle ferrovie tra quelle montagne come la Railroad di Denver, South Park and Pacific a scartamento ridotto  tra Denver a  Leadville e nel 1880 la Roarring di Fork Valley che collegava  all’ altro centro minerario dal giacimento poi esaurito e divenuto la città  di  Aspen , poi frequentato centro tra le montagne.  Sulla Highway la Us 24  che corre a nord ovest di Colorado Springs si entra nella contea di Teller  distesa  verso il versante occidentale del massiccio di Pikes Peak, in questa regione nel 1890 Robert Miller scoprì uno degli ultimo giacimenti auriferi del Colorado lungo il torrente Cripple Creek  attirando migliaia di cercatori fondando un centro che poi divenne la cittadina di Cripple Creek. Poco dopo le ricerche finanziate dall’  imprenditore minerario  Scott_Stratton trovarono altri ricchi filoni non distanti ove sorse la grande miniera Mine and Mill di Independence e dall’altro vicino centro minerario  di Victor Mine nel 1894 venne fondata  la città di Victor. Nel territorio sud occidentale attraversato dal San Miguel River  si stende la contea che ne ha preso nome come  San Miguel  ove tra le omonime montagne nel 1875 vennero scoperti giacimenti auriferi  e vi sorse il centro di Columbia divenuto nel 1887 la città di Telluride che, anche con la diminuzione della produzione aurifera,  ha continuato a prosperare con nuovi giacimenti di rame, piombo, zinco e argento. L’ estrazione dell’ argento ha risollevato i vecchi centri minerari sorti durante la precedente corsa all’ oro fondandone di nuovi  e dal 1890 con lo Sherman Act Silver Purchase venne raddoppiato l’ acquisto governativo d’ argento, ma la sua abrogazione  tre anni dopo provocò il disastroso crollo del 1893 nel prezzo e commercio dell’ argento provocando la grande crisi in tutto il territorio nota come il 1893 Panic  e diversi di quei fiorenti centri minerari furono abbandonati divenendo città fantasma.

Minatori del Colorado

Nel periodo della ricchezza mineraria in Colorado mentre prosperavano le grandi compagnie, per risparmiare i costi  le condizioni di lavoro nelle miniere erano disastrose con il flagello della silicosi, minatori sfruttati daisalari ridotti anche impiegando bambini, lavorando quasi al buio rischiando quotidianamente continui incidenti, crolli delle gallerie, inondazioni e mancanza di ossigeno nei livelli più profondi.  Tra gli altri l’ Indipendence Mine and Mill di Stratton divenne uno dei più grandi distretti minerari della regione e nel 1894 vi iniziarono ben presto le rivendicazioni dei minatori per le precarie condizioni con il grande sciopero nelle miniere di Cripple Creek  duramente represso dalle milizie del Colorado per cinque mesi con vari scontr, ma che terminò con l’accoglienza di alcune rivendicazioni salariali e la vittoria del sindacato. Due anni dopo quella prima vittoria dei lavoratori nel distretto minerario di Leadville  i sindacati Western Federation of Miners e la Cloud City  Miners Union organizzarono il grande sciopero del   Leadville Strike , il proprietario John Campion assunse spie della Thiel, nota Detective Service Company, per sorvegliare i lavoratori e come provocatori assieme ad agenti della celebre  Pinkerton, così da fomentare scontri e scatenare la repressione in un violento conflitto finito con l’affermazione di alcune rivendicazioni e la  nascente lotta dei minatori. Pochi anni dopo  dal 1903 per un anno il distretto minerario fu teatro del lungo conflitto che fu chiamato Labor Wars tra i proprietari sostenuti dal governo e i minatori in sciopero organizzati dal sindacato Western Federation of Miners o Wfm, anche questa volta i proprietari  con le loro milizie private ed appoggiate dal governo con  la Colorado National Guard scatenarono violente repressioni con numerose vittime e lo stesso anno  le rivendicazioni dilagarono nella Clear Creek County con gli scioperi nelle miniere di  Idaho_Springs anch’essi duramente repressi e finiti con centinaia di minatori arrestati e   deportati.  Anche  con le violenze dei proprietari e la repressione governativa gli scioperi riuscirono ad ottenere il successo di alcune rivendicazioni, ma lo sfruttamento e i bassi salari rendevano ancora precaria la condizione dei minatori, la  sicurezza era vagamente regolata con il  Safety_Act della Federal Coal Mine che non impediva la gran quantità di gravi incidenti e il lavoro massacrante negli anni successivi, reagendo con altri scioperi sempre fronteggiati dalla violenza  dei proprietari e la repressione governativa. Parte dei giacimenti minerari furono acquisiti dalla Colorado Fuel and Iron Company di propietà del ricco magnate Rockefeller  sfruttando all’ inverosimile migliaia minatori, poco distante dalla città di Trinidad nella Las Animas County  la miniera di Ludlow,  impiegava in gran parte immigrati messicani, slavi ed italiani sfruttati e sottopagati che entrarono pacificamente in sciopero alla fine del 1913 rivendicando giusti diritti dalla propietà della famiglia Rockefeller che fece mobilitare la Guardia Nazionale per reprimerlo. Scacciati dalle loro misere baracche dai guardiani armati si accamparono poco distante e  nell’ aprile del  1914 i vigilantes dei Rockfeller aprirono il fuoco contro quella gente inerme uccidendone ventuno compresi donne e bambini e ferendone diverse decine in quello che è ricordato il massacro di Ludlow, con buona pace di quest’ altra icona del democratico capitalismo statunitense  che, dopo la strage di minatori ed altre nefandezze, venne  celebrato come il  Rockefeller mecenate e e benefattore. Tra le altre manifestazioni violentemente represse nella Jefferson County fu protagonista di un altro tragico evento la città di Columbine,  quando nel 1927 fu organizzato un pacifico sciopero  organizzato dal sindacato Industrial Workers of the World o Iww, mentre manifestavano cinquecento lavoratori con mogli e figli durono fronteggiati dai vigilantes e i  rangers al comando di Louis Scherf  che fece aprire il fuoco con le mitragliatrici in quello che fu noto come il massacro di  Columbine,  tra gli ultimi nella storia dei minatori protagonisti  con la loro fatica e sofferenza della corsa all’ oro e l’argento in Colorado.

Articoli Affini

Ti interessa?

Close
Back to top button