Africa Romana

Africa Romana


Scrissi queste note per conferenze e mostre sulla storia e i siti archeologici nordafricani che dovevano esser anche breve guida per percorrere i miei itinerari in quel vasto territorio che ho ben conosciuto prima e dopo che fosse travolto dall’ idiozia criminale del jihadismo islamico che ne vuol fare cumuli di rovine. Una riflessione che incombe su tutto ciò che ho scritto e documentato nei miei tanti viaggi nel resto del mondo dove quella furia sta sconvolgendo popolazioni e luoghi millenari depositari della storia e cultura che fonda la civiltà. Chi cerca di violentarne barbaramente le testimonianze sta compiendo crimini contro l’ umanità e oltre che fermarli vanno spazzati via dalla faccia della terra.

Archeologia nordafricana

Dopo la terza delle guerre puniche, con la fine di Cartagine sorsero i regni berberi di Mauretania e di Numidia, ma l’incontenibile espansione dell’ impero romano con le campagne augustee stabilì infine il limes africano e ne fece le province  dell’ Africa  proconsularis, facendo fiorire le regioni  di Numidia e  di Mauretania e tali rimasero dal I al VI secolo. Dal Marocco ai limiti del Sahara l’ immensa regione splende di antichi insediamenti punici e della romanizzazione ciò che furono i centri   che hanno lasciato i loro siti sulle vie del  nord_africano.

Marocco

Il territorio del Marocco tra i domini romani era nella provincia detta di Mauretania e verso la costiera Larache, ove si fantasticava fosse il mitico giardino delle Esperidi, molto prima  i Fenici avevano fondato la città chiamata  Lisso incrociata dai loro navigatori , che fu poi cartaginese e infine la romana  Lixus. Continuando in quel territorio  romano , ove si trova Tangeri sorgeva Tingis e più oltre  il maestoso della città  che fu la fiorente Volubilis forse ispirato al culto della volubilis Tiche, scrigno d’ arte dominato dall’ arco di Caracalla e che ha lasciato i suoi tesori conservati al museo di Rabat , così come quelli trovati nel sito di Julia Valentia Banasa . Proseguendo nella regione di Rabat verso il delta del Bou   Regreg  si trova  Chella poi centro dei berberi Merinidi.

Tunisia

A Cartagine della fondazione d’epoca punica rimangono resti sul colle Byrsa, di alcuni quartieri e di quello che fu il porto, oltre il centro religioso di Maalga e il tempio di Baal Tophet. In epoca romana sorse l’ acquedotto che riforniva la città con il ricco parco tra le ville patrizie di mercanti e nobili, anche qui la popolazione si  divertiva all’ anfiteatro assieme al circo e il teatro, intrattenendosi nelle terme Antonino e di  Gargilius e i più facoltosi andavano a riposare nelle tombe uficiali. Nel periodo paleocristiano sorse la basilica Ciprianus con la damous el-Karita le chiese consacrate ai santi Vincenzo e Luigi. Il resto è conservato al museo Bardo e quello di  Cartagine. Poco a nord si trova il vasto sito di Utica  nel centro omonimo divenuta poi la paleocristiana diocesis   Uticencis e sulla via per Ippona Regia a sud dell’odierna Tunisi si trova la cittadina di Bèja ch’era il  centro di Vaga, mentre l’ antica Tignica sorgeva  sulla strada che portava a Tagaste. Seguendo una mappa, verso capo Bon si trova Kerkouane con l’antica necropoli punica  e il vasto sito che s’estende  tra i resti  cartaginesi e romani, proseguendo sulla costa  il vicino Curubis e a Kèlibia il sito di Clupea. Nell’odierna Biserta la fenicia e poi romana Hippo Diarrhytus scendendo da Hammamet si trova il sito della romana  Pupput e davanti l’ isola di DJerba la cartaginese e poi romana Gigthis. Nella medievale Susa dalla suggestiva medina sorgeva la città di Hadrumetum che ha lasciato i suoi resti d’ arte assieme preziose ceramiche, una vasta iconografia  funeraria e magnifici mosaici.

A sud di Cartagine si raggiunge Haidra che fu l’ imponente Ammaedara e poi centro d’ arte   bizantina, di qui l’ itinerario va per Tebessa e sulla via della legio III Augusta contro i berberi di Tacfarinas nella regione di Sbeitla  ove poi sorse Sufetula. Passando per il sito di Jebel El Oust e il vicino di Ziqua, verso Sufes a Henchir Kasbat rimangono i resti della splendida città di Thuburbu  Maius, a continuare il sito di Mactaris s’estende con vari edifici, molti decorati da  magnifiche sculture. Fu centro numide come quello di Thugga prima d’essere la romana Duggha, di berbere origini Bulla Regia poi florida città imperiale e infine  centro paleocristiano. Sull’antica Thysdrus sorge la città di El Jem che incanta d ’immagini dalla domus Africa tra splendidi mosaici, eleganti statue e i preziosi resti che s’ammirano nel museo e si trova quel patrimonio del magnifico  anfiteatro. Proseguendo a nord ovest nell’area di Chemtou sorge il sito di   Simitthus, nel sud ovest a Kasserine si trova Cillium e sulla via di Medenine tra l’area di influenza cartaginese e quella numidica Althiburos. Più a sud verso lo Chott el Jerid che collega Tozeur e Douz, presso l’oasi di Gafsa v’era un’ antichissimo centro della cultura  capsiana preistorica dove sorse il sito di   Capsa e di qui partiva una delle vie del Sahara.

Algeria

Il territorio algerino fu nel dominio dei sovrani numidi e il potere  cartaginese, dopo le guerre puniche nel regno di Massinissa e a segiuto delle dette giugurtine, vi fu la tenace resistenza dei  berberi contro la potenza militare dei romani in Africa settentrionale  insediandosi in quella  vasta regione ove ha lasciato i suoi siti archeologici. Fu presa nella provincia di Numidia e anche in quell’antico territorio sorsero centri fecero splendere la Numidia  romana fino all’ invasione dei Vandali. Seguendone una mappa, presso la costiera di  Costantina rimangono i resti della fortificata Tiddis, a continuare rimane patrimonio quella che fu la città nota come   Tipasa e il  sito litoraneo di Djèmila con la paleocristiana Cuicul, così come i resti della fiorente Timgad fondata da Traiano con i militi della  Legio III Augusta e ne rimane il  sito dell’antica Tamugadi che dirama dal maestoso arco di Traiano. A continuare Theveste nota Tebessa ch’era centro  culturale e commerciale sulla via tra Cartagine e la capitale numide Cirta, da cui dipendeva Tiddis e a Souk Ahras sorgeva Tagaste poi natale di Agostino che si stabilì ad Ippona Regia. Di antichissime origini e dall’ incerto nome forse Annaba, si sa che la città fioriva fin dal IV sexolo seguendo la storia del resto di Numidia fino a divenire romana come Regia  e centro di commerci, lasciando i resti del vasto foro, le terme  del sud e quelle severiane, del grande teatro e delle ville patrizie che s’estendevano ai sobborghi, molti preziosi reperti custoditi nel museo. Sorse poi l’ insula  cristiana e ne rimane la basilica Pacis, a consacrata a S.Donato e il battistero. Poco a sud nell’altra paleocristiana Madaura una statua si dice raffiguri Agostino bambino che qui passò tempo e meditazioni.

Libia

In Libia sorse la grande  strata lungo la costa della provincia d’  Africa cominciando dalla  quella tripolitana e l’ antica Oea ove sorse Tripoli che ne conserva i resti attorno all’ Arco di Marco   Aurelio e la cui ricchezza è testimoniata dal  Tesoro rinvenuto a Misurata. Iniziando l’ itinerario limes tripolitanus da Tripoli, poco distante si  trova il patrimonio della città che fu la fiorente di Sabratha svelata dall’italica archeologia coloniale  e l’ opera di Bartoccini con i suoi tesori d’ arte dalle immagini che affascinano in questa antica centro sul mare per un percorso dalle sontuose terme al magnifico anfiteatro. Continuando sull’affascinate costa  tripolitana, nel  territorio di un insediamento punico con la romanizzazione sorse  Leptis Magna che fu  tra le più imponenti edificate oltremare dai romani in Nord Africa, un altro scrigno d’ arte ove nacque l’ imperatore di locali origini  Settimio Severo e fu  ui che l’aricchì  lasciandone il patrimonio con i capolavori d’ arte severiana da scoprire dall’ Arco  traianeo a quello innalzato alla sua augusta persona noto come di Settimio Severo che troneggia verso il complesso della basilica severiana. La tribuna macellum finanziata dal ricco Tapapius Rufus come il teatro, passando per i tre  templi  giulio claudi e il magnifico anfiteatro, continuando in questa Signa romanorum dalle sontuose  terme di Adriano si trova il Nymphaeum e scendendo verso il porto la ricca villa  Nilus dagli splendidi mosaici, ammirando i preziosi reperti nel museo. Nella Sirte verso il limes tripolitanus si trova la città di Ghirza di fondazione berbera con il sito compreso tra il mausoleo nord e quello meridionale, lasciando la Tripolitania la via della romanizzazione continua in Cirenaica ove per due secoli da Augusto all’ imperatore  Settimio Severo furono governati assieme i territori di Creta et Cirenae e poi fu provincia chiamata Cyrenaica. V’erano antichi centri fondati  dai greci che fiorivano nella colonia, come Apollonia sulla via costiera del gebel  al Akhdar e all’epoca risale il  sito dell’ antica  città di Cirene che fu definita lAtene d’Africa così come Tolemaide altro scrigno d’ arte che divenne  la paleocristiana diocesis Ptolemaidensis. Avamposto sul limes verso l’ immenso Sahara era l ‘oasi sperduta di Gadames dall’ antico centro che i Tuareg chiamano Tidamensi, di qui affrontavano il deserto per una delle carovaniere attraversando poi il  Sahel fino al Niger , di dove altri popoli conoscevano le   rotte  per l’ oceano remoto.

Immagini

Previous I Celti
Next Città dell'Africa del nord

About author

You might also like

Mesopotamia

Mesopotamia antica

“La Mesopotamia, terra tra i due Fiumi che ha visto sorgere tra le prime civiltà della storia percorsa nei millenni dai più antichi Sumeri agli imperi di Akkad ed Elam,

Archeologia

La cultura di Chavìn

Nella regione delle  Ande settentrionali peruviane tra il IX e il II secolo a.C. fiorì la Cultura Chavìn che fu la prima a fondarsi sulla variegata tradizione religiosa andina influenzando

Via Francigena

Francigena toscana

Le vie che scendevano nelle terre italiche da settentrione dopo lo sgretolamento dell’ Impero Romano passavano per i domini bizantini  che dall’ Esarcato di Ravenna controllavano i passaggi tra gli