AmericheEsplorazioni

Balboa e il Pacifico

La spedizione di Alonso de Ojeda

Dopo aver nominato Martìn Fernandez de Enciso suo sostituto, Alonso de Ojeda nel 1509 era partito da Santo Domingo per fondare una colonia nella Guyana venezuelana che sarebbe stata parte della Nueva Andalucia, chiedendo l’ emanazione il proclama Oceanis Libellus Insulis redatto da Juan López de Palacios Rubios che prevedeva il possesso delle terre e la sottomissine degli indigeni all’ impero spagnolo. Con lui era l’ esperto Juan de La_Cosa, che era stato con Cristoforo Colombo come capitano della Santa Maria nella scoperta del 1492 e partecipato al secondo viaggio dell’ anno successivo, fu poi nella spedizione di Juan Díaz de Solìs assieme ad Amerigo Vespucci nel 1497 e ancora con lui ed Alonso de Ojeda nell’ altra spedizione dalla quale trasse la sua mappa che fu la prima nella cartografia del Nuovo Mondo.

Giunse sulla costa della Colombia nella baia dove poi sorse Cartagena de Indias fondata da Pedro de Heredia nel 1533, inviando missionari per imporre l’ atto di sottomissione agli indigeni che rifiutarono ribellandosi e vennero domati dai suoi armati. Spingendosi nell’ interno nel villaggio di Turbaco gli spagnoli vennero sconfitti dagli indigeni in violenti scontri dove Juan de La Cosa rimase ucciso assieme ai suoi uomini. Alonso de Ojeda riuscì a fuggire assieme ad un solo supersite raggiungendo la costa dove era giunta la flotta di Diego de Nicuesa che con un drappello di armati tornò con lui nel villaggio sterminandone gli indigeni ribelli. Dopo la repressione Diego de Nicuesa riprese la sua navigazione sulla costa panamense, dove poi sorse il Ducato di Veragua nel 1537 e concesso a Luis Colòn de Toledo figlio di Diego e nipote del grande e posto poi sotto l’ Audiencia Real de Panamà, mentre Alonso de Ojeda su quella stessa costa giunse nel golfo di Urabà e nel gennaio del 1520 vi fondò il primo insediamento spagnolo dI San Sebastiàn de Urabá. In breve si scontrarono con i locali Indigeni urabas e ne rimase anch’ egli ferito, decidendo di tornare a Santo Domingo imbarcandosi nel vascello del pirata Bernardìn de Talavera, lasciando a presidiare l’ insediamento il giovane Francisco Pizarro, che poi divenne tra i più celebri conquistadores travolgendo l’ impero Inca nel 1532 da Cajamarca nel nord del Perù. Aspettando invano il ritorno di Alonso de Ojeda si apprestò anche lui a ripartire per Santo Domingo, quando giunse la spedizione di soccorso di Martìn Fernandez de Enciso accompagnato da Vasco Núñez de Balboa.

Vasco Núñez de Balboa

L’ hidalgo Vasco Núñez de Balboa nacque con un quarto di nobiltà a Jerèz de los Caballeros in Estremadura nel 1475, la stessa che dette natali a Francisco Pizarro e Hernàn Cortès, nel 1501 seguì la spedizione di Rodrigo de Bastidas per esplorare le coste della Colombia, ebbe il battesimo del mare naufragando raggiunse la colonia di Hispaniola a Santo Domingo dove decise di stabilirsi facendo l’ agricoltore e il commerciante. Il giovane hidalgo si dette al gioco e fu soffocato dai debiti, un’ottima ragione per imbarcarsi nella spedizione di Martìn Fernandez de Enciso raggiungendo il Golfo del Darìen tra quella che sarebbe divenuta Panama e la costa della Colombia.

Una legge promulgata da Diego, figlio di Cristoforo Colombo , proibiva ai coloni di Santo Domingo di lasciare Hispaniola senza aver onorato i debiti, ma si dice che Balboa si imbarcò clandestino chiuso in una botte, dopo aver rischiato di essere abbandonato in mare dal capitano, riuscì a farsi apprezzare come ottimo spadaccino e venne accettato nella spedizione che aveva bisogno di tipi come lui per ristabilire l’ ordine tra gli indigeni che avevano osato ribellarsi. La colonia di San Sebastiàn fondata da Alonso de Ojeda era stata abbandonata e la spedizione continuò risalendo il rio Atrato nell’ impenetrabile foresta dell’ ignoto Darièn, ma l’ ostilità degli indigeni rese necessario il passaggio del comando da Martìn Fernandez de Enciso al più bellicoso Vasco Núñez de Balboa che divenne il capo della colonia di Santa Maria La Antigua del Darìen ed eliminò anche Diego de Nicuesa , governatore della vicina Veragua, facendolo naufragare con un inganno.

Abile e temerario alimentò i contrasti tra le tribù indigene della regione, alleandosi con alcune per sottomettere le altre, in visita al cacique Comogre fu omaggiato con una gran quantità di perle ed oggetti d’ oro ed informato che tali ricchezze provenivano da una zona oltre la foresta che finiva su un’ altra costa di un’ immenso oceano ove si affacciavano paesi ricchissimi del prezioso metallo. Lo sconosciuto capitano Balboa scrisse al sovrano Ferdinando II d’ Aragona il Cattolico per sottoporgli il progetto di una spedizione in quelle terre incognite piene d’ oro, ma Martìn Fernandez de Enciso era a corte per lamentare i torti subiti e fu nominato il più noto ed affidabile Pedro Arias Dàvila per guidare la spedizione nei favolosi territori.

La scoperta del Pacifico sterminando indigeni

L’astuto Balboa anticipò i tempi e prese l’ iniziativa imbarcandosi il primo settembre 1513 con un vascello, dieci canoe, 190 uomini e molti indigeni, tra i luogotenenti c’era l’ avventuriero analfabeta Francisco Pizarro, duro e spietato, il futuro sangunario protagonista della conquista dell’ impero Tahuantisuyo incaico in Perù. Lasciate le imbarcazioni nella colonia dell’ isola di Coiba il piccolo esercito si addentrò nella jungla dell’ istmo panamense attraverso il territorio di un cacique chiamato Poncha con il quale si alleò dopo un primo scontro ricevendo oro in cambio di cianfrusaglie. Proseguendo gli spagnoli combatterono contro gli indiani di un capo chiamato Quarequa che sbaragliarono dandosi poi alla caccia all’ indio con i cani mastini addestrati a tale funzione, svago comune tra i primi cattolicissimi coloni del nuovo mondo, in questo ed altri massacri di indigeni durante la spedizione, si distinse Francisco Pizarro con i suoi sgherri, come scrisse disgustato lo storico umanista Pietro Martire d’ Anghiera nel suo Sumario de las Indias occidentales :

“…Come nei macelli i macellai tagliano a pezzi le carni bovine ed ovine, così i nostri con un sol colpo tagliavano a questo le natiche,a quello il femore ,a quell’ altro una spalla; e come una massa di bruti,ne morirono di essi circa seicento…”

Compiuta la strage Balboa raggiunse la capanna del capo Quaregua dove vi erano uomini abbigliati da femmine dediti all’ omosessualità, usanza molto diffusa tra gli indios di rango, ma gli spagnoli, cristianamente inorriditi dal peccato di sodomia, scatenarono i cani facendo sbranare vivi oltre quaranta viziosi snaturati, altri ne seguirono denunciati dai sudditi che pensavano essere sgradite agli dei le pratiche dei loro capi. Del fatto continua la descrizione di Continua D’Anghiera:

E viddero il fratello del detto cacique, insieme con molti altri, ch’erano vestiti a modo di femine. Del che si maravigliò forte, e massimamente che non s’era fuggito. E dimandata la causa, gli fu detto da tutti li vicini, li quali dapoi la morte del cacique corsero a vedere li cristiani come uomini venuti dal cielo, che ‘l detto cacique con tutti li suoi cortegiani erano imbrattati di quel nefando vizio contra natura. E che per questo il detto fratello con gli altri ch’erano in casa andavano vestiti da femine, né potevano toccar archi né saette ma attendevano a far servizi di casa, come fanno le femine. Vasco, udito il parlar di costoro, molto piú si maravigliò che fra quelli monti asperrimi e fra tante selve, dove vivon solamente di pan di maiz con bere acqua, né hanno frutti o uccelli né salvaticine come in altri luoghi dell’Indie, in queste genti prive di delizie vi fusse entrato simil abominevol peccato E subito fece pigliare, che potevan esser circa quaranta, e legati gli fece stracciare e sbranare da alcuni cani grandi ch’aveva menato seco, e gli adoperava a seguire gl’Indiani quando fuggivano.

Tra gli indigeni dell’ istmo furono trovati schiavi negri che i nativi affermarono discendere da gruppi di razziatori venuti dal mare e naufragati, un mistero che gli storici dell’ epoca spiegarono con la possibilità che africani avessero traversato l’ Atlantico per razziare le coste americane. La marcia di Balboa proseguì con sessantasette uomini tra i monti coperti di foresta e il 25 settembre 1513 da un’ altura egli fu il primo europeo a spaziare lo sguardo sull’ immensità dell’ oceano Pacifico, la zona era dominata da tribù comandate da un certo capo Chiapes che fu sottomesso e che accompagnò Balboa fino ad una spiaggia sul Pacifico dove giunse il 29 settembre, prese possesso del mare appena scoperto e tutte le terre che vi si trovavano, poi esplorò la baia che chiamò San Miguel con al largo Contadora le Isole delle Perle. Giovan Battista Ramusio nella sua monumentale opera Delle navigazioni et viaggi racconta del cacique Tumacco nel cui territorio gli spagnoli arricchirono il loro carico d’ oro avuto dagli altri indigeni con una grande quantità di preziose perle e iniziarono il ritorno attraverso la jungla dell’ Darièn sottomettendo ogni tribù incontrata e recuperando i malati e i deboli lasciati nei vari villaggi all’ andata, i quali raccontarono della favolose ricchezze viste negli altri villaggi visitati nel frattempo.

Il ritorno carico di ricchezze fu trionfale e la sua relazione arrivò in Spagna mentre Pedro Arias Dàvila nel 1513 fu nominato governatore della Castilla de Oro che comprendeva i territori dell’ istmo, l’ inospitale Darièn, il centroamericano Reino de Tierrafirme e la costa caraibica della Colombia.

Caduta in disgrazia e morte di Balboa

Nominato governatore Pedro Arias Dàvila arrivò nella colonia di Santa Maria La Antigua del Darien e si fece relazionare minuziosamente da Balboa sulla spedizione, imponendo la sua autorità di governatore su tutto il territorio, ma poco dopo dal sovrano arrivò la nomina di Balboa a governatore delle terre del Mare del Sud, subito contrastato da Dàvila che lo fece imprigionare con l’ accusa di tradimento, ma il malcontento nella colonia richiese un compromesso tra i due e alla fine Vasco Núñez de Balboa ebbe in moglie per procura la figlia di Devila che si trovava in Spagna e i due cominciarono ad avere interessi comuni.

Incaricato di organizzare una grande spedizione nel Mare del Sud, dato il ritardo sul tempo accordato di una anno e mezzo e fu sostituito con Diego de Albeniz voluto dal suocero che continuava a tramare per sbarazzarsi di lui nonostante gli accordi. Balboa decise di ripetere il colpo di mano che lo aveva portato alla sua prima impresa e partì sulla rotta del sud in Perù verso il favoloso impero Tawantinsuy incaico di cui parlavano gli indigeni, ma l’ equipaggio vide esseri mostruosi in un banale gruppo di balene e lo costrinse a tornare indietro. Nel frattempo la colonia del Darien languiva e Pedro Arias Dàvila tentò di dare la colpa al suo avversario, ma fu sostituito dal governatore delle Canarie Pedro Fernandez de Lugo , comunque fece arrestare Balboa dal suo compagno d’avventure Francisco Pizarro . Lo scopritore del Pacifico venne processato per tradimento e con i suoi cinque compagni più fedeli fu decapitato nel gennaio del 1517, il cortigiano Dàvila aveva avuto la meglio sull’ avventuriero che aveva aperto un nuovo grande capitolo nella scoperta del mondo, ma se viene ricordato il suo inutile nome è solo perchè ha avuto a che fare con

Vasco Núñez de Balboa, scopritore del Mare del Sud.

 

© Paolo del Papa Viaggiatori ed esploratori. Vol. America: Balboa e il Pacifico.

 

Photo gallery: New World Routes

Articoli Affini

Ti interessa?

Close
Back to top button