Fenici: culto, religione e cultura

Fenici: culto, religione e cultura

Il popolo del mare che ha aperto nuove rotte alla civiltà mediterranea


divinità fenicia - i fenici

Divinità fenicia

Nella grande iscrizione di  Karnak si racconta che correva la XX   dinastia quando Il faraone Merenptah parla di minacciosi popoli provenienti  dal mare che poi  Ramses III fronteggiò con le sue armate, esse erano  popolazioni di varia origine come i Lukka, i popolo Denyen, gli Shardana e i Šekeleš noti come  Popoli del Mare, secondo tradizione sconfitti dal faraone, in realtà solo  fermati sul delta del Nilo nella seconda metà dell’undicesimo secolo e tali popolazioni si fusero con quelle locali  d’ Egitto.

Nel frattempo cresceva l’ impero della potente  Assiria che cercava sbocchi sul mare in Libano, ad esso i locali piccoli reami davano tributi e  racconta il sacerdote del tempio di  Amon e ambasciatore Wenamun che si recò a Byblos il cui sovrano ZakarBaal lo fece attendere a lungo a significare che non riconosceva l’autorità faraonica, dopo un anno l’ ambasciatore fu costretto a fuggire inseguito dalla gente della città e ciò confermerebbe che la regione era ancora dominio di discendenti di quei  Popoli del Mare che qui s’erano resi indipendenti come fenici che poi posero la loro capitale a Tiro.

Ben presto quei  Fenici popolarono  la regione  costiera del Libano, centri ne furono  l’ odierna Beirut e l’ antica Tiro, il grande centro d’ arte antica che fu Sidone,  la fiorente città di Byblos che ha lasciato il suo patrimonio. I commerci di Tiro  che ci ha lasciato il suo sito, sono testimoniati dall’ archeologia nell’ isola di  Cipro ricca di rame nel centro di Palaepaphos presso  Kouklia, cosi’ come  a Creta e più ad ovest in Sardegna ricchissima di metalli, scambiati con oggetti aristici, lussuoso artigianato, preziosi monili e raffinati  gioielli, soprattutto la ricercatissima porpora e da quei giacimenti ne venivano prodotti in  metallo creando un vasto movimento scambio e contatto.

divinità fenicie

Satuetta in bronzo fenicia

Con il sovrano Hiram I s’intensificarono i traffici con Cipro che ne doveva essere dominato, stando a quanto racconta Menandro di Efeso da antiche fonti, frequentatissimo era il porto di  Kommos nell’ isola di Creta, molti i rapporti con i sovrani  Davide ben Yishay e Salomone del regno d’Israele con il quale si scambiava il legname dei cedri  libanesi e dagli antichi trattati di sovrano si sa ch’egli vi inviò il suo più abile metallurgo omonimo Hiram e una schiera di artigiani per la costruzione del tempio di Salomone  a Gerusalemme poi distrutto dai babilonesi del potente  Nabucodonosor II. “…e su quelle navi Hiram fece imbarcare i suoi marinai,esperti navigatori del mare,che insieme ai servi di Salomone andarono ad Ofir….La flotta giungeva ogni tre anni e portava oro,argento,avorio,scimmie e pavoni.”(1 Re,9-10).

Così dai testi biblici si sa che  re Hiram e il sovrano  Salomone finanziarono una spedizione nella mitica terra di Ofir che doveva essere tra l’ignoto Paese di   Punt africano e le terre d’ Arabia di dove partiva la Via dell’ incenso, alla ricerca d’altri prodotti pregiati da commerciare. Stando allo storico giudeo romano Flavio   Giuseppe il re Ithobaal della potente  Sidone fondò poi colonie in Libia a metà del nono secolo, prese i territori di Alessandretta e porti di Cilicia per accedere alle miniere della Turchia ed altri centri ove rifornirsi di prodotti agricoli, mentre la figlia Jethsabèl fu data in moglie ad Acab re di Samaria convincendolo ad abbracciare la divinità fenicia di Baal.

Molti sono i riferimenti  biblici sulla diffusione di questo culto di   Baal, associato poi al padre Dagon e al Ba’al  Zebub dei Filistei  divenuto per l’  Ebraismo il malefico Beelzebub nel secondo dei Libri dei Re e il Diavolo nella successiva tradizione del  Cristianesimo. Dopo l’ era di Hiram il popolo di  Tiro affiancò a  Baal il culto di Melqart  e i cittadini di Sidone quello di Eshmun.

Ne divennero i numi tutelari nella loro espansione in gran parte dell’ occidente fondando colonie in  Italia nella preellenica  Sicilia, dall’antica città di Drepanon a Trapani alla potente Panormos a Palermo, dalla regione ragusea fino a Sciacca e l’ isola  che fu chiamata Mozia. Tra l’ XI e il VI secolo venne colonizzata la  Corsica e soprattutto la vicina  Sardegna ricchissima di miniere che divenne la regione fenicia tra le più importanti e vi sorsero floride città che aumentarono e prosperarono anche per il successivo periodo cartaginese  dal VI al III secolo  e nella romana provincia di Sardinia et Corsica.

Colonie fenicie

Colonie fenicie

Dal punico centro poi fiorente città  romana ove sorse Olbia nell’antica Gallura a Nora con il suo vasto  sito, da Macopsisa odierna Macomer nel nuorese a Sulki di Sant’Antioco davanti il suo arcipelago, poco distante la città di Neapolis. Dominante la penisola del Sinis era la potente città di Tharros vicino Cabras poi romana e infine  paleocristiana Diocesis

Scrittura fenicia

Scrittura fenicia

Tharrensis ne’ pressi si trova Othoca, verso sud il sito di  Bithia a Domus de Maria nel Cagliaritano come quello di Selegas.

Della fenicia  punica città di Karaly rimangono le tombe e la vasta necrocpoli nel sito di Tuvixeddu, divenne poi la  città romana Karales  ove sorse Cagliari. Nei territori  dell’antica Tartessus e in altri popolati dagli Iberi della Spagna  fondarono colonie da Empúries  sulla costa catalana nella regione di  Màlaga, più ad ovest da Gadir ove sorse Cadice ad  Ebusos  nell’isolana  Ibiza.

Sulla costa nordafricana susseguirono insediamenti fenici e poi punici , primo tra tutti la fondazione che il mito attribuisce alla regina Didone, di quella città destinata a divenire Cartagine sorta agli inizi dell’ottavo secolo sul colle di Byrsa di dove ancora diramano i resti di quella che fu la potente Karthago.

In quel territorio di Tunisia sorse Kerkouane e ne resta la  necropoli punica, fu fenicia e poi romana Hippo Diarrhytus nell’odierna Biserta così come Hadrumetum e il centro di  Utica. Nella vicina  Libia ove era il territorio di un antico  insediamento punico sorse la città fiorente di Leptis Magna più ad ovest in Marocco sulla costiera Larache , ove doveva essere mitico giardino delle Esperidi, i coloni Fenici fondarono la città litoranea di Lisso incrociata dai loro navigatori, che fu poi cartaginese e infine la romana  Lixus.

Navi fenicie

Navi fenicie

L’intero nord africano è disseminato di colonie fenice e puniche su esse furono fondate molte  città di quella che poi fu la vasta provincia  africana  romana e di qui mossero a cercare e fondare altre  colonie sulla costa atlantica aprendo nuove rotte , diffondevano la loro civiltà punica  dalla  lingua e l’ efficace alfabeto alla vasta  mitologia e la raffinata  arte, ma soprattutto quell’indomito spirito di scoperta che li portò a sfidare l’ignoto.

 

 

 

Photo gallery: Asia ovest | Africa nord

Previous Sulawesi
Next Annone

About author

You might also like

In Africa

Africa Australis

Leggendario Monomotapa Dall’ antichità si sapeva  che in  Africa fin dall’ epoca del millenario Egittoche s’ allungava in Nubia , inviati presero la  Via del Nilo per il profondo Sudan,

America

Bolivia: una storia andina

La Bolivia precolombiana Tra le civiltà sudamericane precolombiane l’ altipiano boliviano settentrionale fu la culla una delle più affascinanti culture andine con il suo centro di Tiahuanaco o Tiwanaku fondato

Esplorazioni

Odoardo Beccari

Conosco bene Il Borneo che fu  terra di  avventure appassionando generazioni dai romanzi di Salgari con il suo ciclo malese di Sandokan dalle gesta si svolgevano nella regione del Sarawak