IndiaPopoli Asiatici

Andamane

L’arcipelago delle Andamane emerge  a sud del Bengala nel vasto golfo che ne prende nome e ad ovest dalle coste  meridionali della  Birmania, incrociato da una delle rotte orientali sulla leggendaria via delle  Spezie e per secoli avvolto nella leggenda delle isole nere Kalapani, a lungo isolate e riscoperte come tra le più affascinati tra l’ India e i il sud est asiatico.

Leggendarie Kalapani

….sono come bestie selvatiche e hanno capo di cane e denti e naso a somiglianza di can mastino e sono mala gente e mangiano tutti gli uomini che possono pigliare..”

Marco Polo , nel suo peregrinare al servizio del Gran Khan, ebbe notizia da marinai cinesi sulla popolazione che abitava le isole Andamane,  coperte di jungla che si inseguono nel Golfo del Bengala tra la costa indiana e quella birmana su una di quelle antiche rotte che costituivano la grande via delle Spezie percorsa da navigatori e mercanti indiani e arabi, concordi con il veneziano sulla ferocia delle tribù Andamanesi. Le prime notizie scritte risalgono alla letteratura araba di viaggio medioevale con la cronaca di  due navigatori nel IX secolo ,dopo le citazioni di Marco Polo e del grande viaggiatore arabo  Ibn Battuta India, le isole rimasero ignote fino al XVIII secolo  quando gli europei sulla via delle  Spezie dominarono quelle rotte, il navigatore Friedrike nel 1666 descrisse le abitudini ostili e cannibali degli andamanesi e per secoli la sinistra fama le fece chiamare le isole nere  Kalapani  rimaste a lungo isolate ove sopravvivono i discendenti di quelle popolazioni. L’ isola Sentinel settentrionale  fin da epoche remote è territorio della popolazione tribale  Sentinelese nelle Adamane meridionali, mentre è rimasta disabitata l’ altra isola South delle due Sentinel. Per la statura e il colore della pelle antropologicamente considerati  Negrito, cacciatori e raccoglitori nella foresta legati agli  costumi e tradizioni e da sempre isolati come le altre popolazioni  di stirpe  Andamanese dell’arcipelago, i Jarawa nella  grande Andaman , i Jangil nell’isola  Rutland e gli Onge della paccola Andaman,  avvolte nell’oblio e nei racconti fantasiosi di marinai per i porti d’oriente.

Per secoli inesplorate, ma incrociate dalla rotta che collegava il Bengala attraverso il suo ampio golfo e  fiorenti regni dell’ Orissa sulla costa orientale per la vicina  Terra d’0ro della  Birmania, la Compagnia britannica delle Indie  orientali nel 1789   Incaricò Sir  Archibald Blair di visitarle per studiarne le possibilità di sfruttamento  fondando il primo avamposto sull’ isola  Chatham ma ben presto abbandonato per le scarse prospettive in quelle isole selvagge. Sessanta anni dopo il governo coloniale britannico  fondò  una colonia penale nell’ isola  Viper e solo dopo scontri con gli aborigeni gli inglesi riuscirono a colonizzare la grande Andaman ripristinando il  primo insediamento  nel centro di Port Blair  ove furono trasferiti i forzati di Viper. Scacciando gli indigeni dal territorio  nel 1859 venne  aperta la colonia penale dell’ isola di Ross  per i prigionieri indiani  e  quella che fu chiamata la battaglia di  Aberdeen fu teatro del primo scontro tra i militari e i coloni  con Sentinelesi . Le tribù di stirpe Andamanese , furono spinte all’interno delle isole minori e perseguitate per tutto il periodo  coloniale nelle Andamane , annientati dalle violenze e dalle malattie portate dai coloni, per i successivi decenni fino all’inizio del secolo scorso  spedizioni di militari e mercenari per scovare gli indigeni nella jungla e sterminarli. Un genocidio che accentuò l’odio degli indigeni per gli stranieri e il rifiuto per ogni contatto esterno, nel 1905 la  bush police per proteggere i primi coloni e confinare le ultime tribù in isole come riserve inavvicinabili dove ancora sopravvivono, ma ormai il genocidio si era consumato.

Jarawa

Alcune isole dell’ arcipelago centrale e meridionale sono territorio della popolazione tribale Jarawa da due millenni praticando la caccia e la raccolta nella foresta  oltre la pesca, di simile stirpe delle altre andamanesi legata all’ambiente della foresta da dove traevano i materiali per i loro manufatti  dai disegni geometrici riprodotti anche nella decorazione del corpo e il viso con argilla , oltre a cinture di cotone rosso e lana come essenziali indumenti . Da sempre gli uomini realizzano strumenti da caccia  e guerrieri come l’arco aav , la freccia  patho e la protezione toracica kekad , mentre le donne si occupano delle reti da pesca botho  e cesti di canna  taiga per la raccolta nella foresta, indossando  cinture per la testa, il collo e la vita  in cotone  rosso decorate con fiori e foglie. Legati da antiche tradizioni e la propia lingua oltre all’animismo  con i suoi rituali, tra i vari  credono che i resti dei morti allontanano la selvaggina e non li seppelliscono lasciando consumarsi sugli alberi fino a ridursi in scheletri  Magubane  utilizzati per rituali di caccia.  Gli uomini cacciano maiali e tartarughe mentre le donne raccolgono frutta e miele nella foresta oltre  molluschi in mare  un tempo alimenti essenziali,  noti come bellicosi sono rimasti isolati  fino alla fine del secolo scorso,  frequentando centri e villaggi   dei coloni.  Poi confinati nel ristretto territorio Jarawa  che ricordo un tempo accessibile solo con speciali permessi governativi, ma con l’ estensione lungo  il loro territorio della  Trunk road è iniziata la minaccia  dei coloni e cacciatori di frodo  in una condizione di  sfruttamento, violenza e  rischio di malattie e nella  foresta più accessibile  dei Jarawa  poi Iniziato una sorta di deleterio turismo in cerca si esotico come  safari umani  fino al 2017 denunciato dalle organizzazioni internazionali e finalmente ostacolati. Come altre popolazioni aborigene andamanesi i  Jarawa sono travolti dalle violazioni culturali, rinchiusi nei loro ristretti  insediamenti con falsi pretesti di protezione ma spinti a lasciare la cultura tradizionale dal contatto  con il mondo esterno, oltre emarginazione violenze  resi  più vulnerabile alle malattie. Le tradizioni dovrebbero essere preservate come patrimonio culturale e protette dallo sfruttamento , rischiano l’ estinzione per la loro vulnerabilità,  perderanno i mezzi di sussistenza ridotti  a mendicanti soccombendo come  le comunità tribali dei Jangil  dalla simile origine e stirpe che  popolavano l’ isola di  Rutland  estinti dopo i contanti con i coloni  all’inizio del secolo scorso , decimati dalla malattie a loro sconosciute.

Onge

La piccola Andaman nell’ arcipelago più meridionale è antico territorio dei Madhumitha meglio noti come Onge, si definiscono gente prefetta  En-iregalee anch’ essi decimati dal  contatto con i britannici e poi i  i coloni indiani, ne rimangono un centinaio legati dalle antiche tradizioni e la propia lingua Ung. Tradizionalmente cacciatori e raccoglitori seminomadi nella foresta riuniti in varie comunità  spostandosi con le loro  capanne Bera  e una comune per gli eventi di nascite, matrimoni e  funerali, gli uomini praticano la caccia e  le donne si occupano della raccolta di frutti, radici e tuberi, oltre la pesca con le reti   nelle acque poco profonde delle barriere coralline e dei torrenti. Dall’ abbigliamento essenziale le  donne indossano foglie di palma o una nappa dal corpo e volto decorato  di ocra rossa e argilla bianca dai  disegni geometrici come gli uomini, realizzano canestri di canna e gli uomini fabbricano piroghe per la pesca e gli spostamenti lungo la costa. I matrimoni avvengono sempre nella  propria comunità, ammessi i  consanguinei con i figli della sorella e  tra cugini incrociati, la separazione è limitata data l’ esigua popolazione rimasta, alla morte  del capofamiglia i  figli possono essere adottati anche dal fratello o dalla sorella, la procreazione è desiderio sentito tra le donne che credono di poter rimanere  incinta solo se lo spirito celeste dell’ isola le benedice. A differenza di altre popolazioni animiste non possiedono pratiche di culto  o sacrifici, per trasformarsi in uno spirito  occorrono diversi passaggi  nella vita fino alla morte  entrando nella comunità degli spiriti che domina su ogli cosa, ma anche questo un mondo tradizionale che scompare tra gli ultimi Onge relegati in ridotti territori perdendone quasi memoria  travolti da una storia che li sta estinguendo.

Sentinelesi

L’ isola Sentinel nord emerge nell’ arcipelago meridionale delle Andamane tra la barriera corallina coperta di foreste  da epoche remote terra   della popolazione  tribale  Sentinelese che ha sempre rifiutato ogni contatto con estranei, dalle comunità di cacciatori e raccoglitori nella foresta legate tra loro da quasi ignote vita, tradizioni e la propia lingua  Sentinel in via di estinzione. Mentre parte dell’arcipelago veniva colonizzato, hanno sempre respinto ogni tentativo considerati come  bellicosi  l’ antropologo indiano Triloknath Pandit nel 1967  fu il primo a sbarcare nell’ isola cercando un contatto che solo dopo anni di bellicoso rifiuto  nel 1991 Pandit riuscì a stabilire sporadicamente, ben preso respinto e dall’ epoca ogni altro tentativo fu accolto dalle frecce e lance degli indigeni, tra gli ultimi quello del missionario Allen Chau nel 2017 che fu ucciso come altri che lo avevano preceduto. Le comunità di indigene della  Sentinel  rimangono in totale isolamento nella  loro isola ove continuano a vivere nomadi di caccia e raccolta nella foresta rifiutando ogni contatto esterno, di quei Sentinelesi rimangono solo le poche informazioni da sporadici contatti nel passato, ma  sempre a distanza notando che adoperano  piccole canoe a bilanciere per navigare e pescare nelle  acque poco profonde attorno all’ isola. Poco si sa della società tribale, tradizioni e pratiche di vita  Sentinelese, probabilmente divisi in tre piccole comunità ognuna dalle diverse famiglie ospitate in  grandi capanne comuni  e semplici ricoveri nomadi temporanei sulle spiagge, dagli sporadici contati si sa che hanno abbigliamento essenziale, le donne semplici fasce di fibre alla vita, collo e testa, gli  uomini  una cintura alla vita, la testa fasciata e ornati da collane, armati di lance archi e frecce sempre bellicosi con gli estranei. L’ isola di Sentinel rimane tra le più inospitali al  mondo per la loro bellicosità,  evitata anche dagli ultimi  Onge che la chiamano Chia daaKwokweyeh, così come non hanno contatti con le comunità Jarawa , considerati una delle popolazioni tribali tra le più isolate al mondo assieme a quella degli ultimi bellicosi Shompen che vivono  all’ estremità meridionale del’ arcipelago nelle foreste della gran Nicobar, rifiutando anch’ essi qualsiasi contatto.

Tra le isole

Le Isole Andamane  emergono con le foreste tra gli splendidi contrasti di verde con il blu e smeraldo delle barriere coralline, la grande Andaman forma l’ arcipelago più vasto  con  le cinque  isole principali, dalla  North più settentrionale con  poco a sud la centrale  Baratang seguita  dalle isole Anderson, Murga e South Reef con la più grande Interview  ribattezzata In epoca coloniale britannica come la Middle anch’ essa nell’ arcipelago centrale e quella che fu chiamata Long. Tra le più meridionali  dell’arcipelago la South , antico territorio di popolazioni tribali l’ isola di Rutland, mentre ad est del grande Andaman sono sparse le più piccole   vulcaniche East con il  vicino  arcipelago delle minori isole Ritchie  sud orientali e scendendo oltre lo stretto di  Duncan le altre che formano l’ arcipelago della Piccola Andaman. Dopo l’ indipendenza sono divenute territorio indiano assieme alle più meridionali isole Nicobar amministrato dall’ unico centro come capitale nella città di Port Blair  ove nella zona si concentra la maggioranza della popolazione immigrata. Le Andamane  emergono   nel  loro suo paradiso tropicale come perle nel golfo del Bengala coperte di foreste pluviali dalla lussureggiante Flora con una gran quantità di piante e oltre duecento specie di alberi che si ergono imponenti con una trentina di pregiato legname sfruttato per i commerci della colonia. Circondate dalle barriere coralline  dalla ricca fauna marina con pesci d’ ogni dimensione e la terrestre tra rettili e anfibi, alcune specie di mammiferi indiani oltre elefanti importati e una ricca avifauna condivisa con le vicine Nicobare. Dei quattromila abitanti della grande Andaman sono rimasti un centinaio di Jarawa, delle varie  tribù della piccola Andaman ne sopravvivono altrettanti di Onge e, inavvicinabili per la bellicosità, forse poche decine di temibili Sentinelesi nella loro isola. Da molto è impossibile ogni contatto con le ultime tribù nascoste nella jungla ed ostili, solo alcune comunità di Onge hanno  contatti con i coloni e sfruttati per la lavorazione della noce di cocco, ricordo  che periodicamente un barcone nella  baia di Hut  consegnava un carico di cocco da lavorare e ritirare quello già lavorato, l’idea fu del mercante Patrik Lobo, che rifornisce gli indigeni dal suo emporio oggetti di plastica, fiocine, tabacco, liquori scadenti e porcherie varie. La storia più recente delle isole inizia con la crescita della colonia, in gran parte immigrati dal Bengala e le regioni limitrofe dopo il secondo conflitto mondiale che vide l’occupazione giapponese dell’arcipelago, considerato restrict area dal governo, solo recentemente aboliti gli speciali permessi per la visita degli stranieri. Dopo una lunga chiusura  gli arcipelaghi  Andaman e Nicobar sono divenuti una meta turistica  rischiando di  sconvolgerne il delicato equilibrio naturale ed umano, inizialmente  limitata alle isole della Grande Andamancon alloggi solo a Port Blair, per il resto le isole accessibili coperte di foresta, le spiagge deserte e incontaminate sul mare corallino  e ne ricordo la scoperta su una vecchia barca di pescatori per un’esperienza indimenticabile. Trovai l’ atmosfera della colonia come una frontiera dove immigrati speravano  di costruirsi un avvenire, dall’ epoca la capitale Port Blair  è ormai divenuta una florida e frequentata cittadina, quando vi giunsi la prima volta  era un concentrato di immigrati in cerca di fortuna, mercanti, avventurieri, naviganti più o meno abili, alcuni commercianti indiani si sono costruiti piccole fortune, favoriti dalle facilitazioni governative. La grande attrazione per la frontiera andamanese era il suo patrimonio forestale con uno dei maggiori centri per la raccolta del pregiato tek nell’isola di Rutland a sud di Port Blair, in breve i lavoratori si staccarono dalla colonia creando una comunità isolata in quotidiana simbiosi con la foresta, alcuni con le famiglie in capanne nella baia dell’ isola, così come hanno fatto altre comunità di immigrati che hanno fondato piccoli villaggi di pescatori.  Nelle  altre isole della Grande Andaman   l’antica popolazione aborigena  Andaman sopravvive in qualche riserva e le comunità di immigrati l’ha sostituita creando una nuova popolazione con ritmi ed usi diversi  conservando le tradizioni hindu. Lasciando Port Blair la navigazione attraverso l’arcipelago della grande Andaman fu il primo approccio con l’ambiente incontaminato di queste isole in uno stupendo mare blu dai riflessi smeraldo incrociando decine di isolotti disabitati, manciate di foresta popolate da uccelli di ogni specie, cinghiali, cervi, rettili e piccoli mammiferi in una arcaica e selvaggia armonia. Dopo circa quattro ore si arriva alla Cinque Island, una sottile striscia di sabbia bianchissima che contrasta con i riflessi turchesi della piccola baia e le intense tonalità verdi della foresta con i suoi suoni ed odori tropicali, un’atmosfera immutata dagli sbarchi dei primi europei sulla via delle Spezie che ne incrociavano questa remota rotta. Nelle acque incontaminate su splendidi fondali corallini guizzano pesci di ogni tipo e grandezza dall’incredibile varietà di colori e una vita sottomarina a volte dalle forme indecifrabili, spesso animata dalle evoluzioni delle mante giganti e dei delfini che accompagnano la barca durante la pesca e le immersioni evitando i tratti di mare dove le pinne minacciose degli squali bianchi fendono il pelo dell’acqua, ma la ricchezza di pesce è così abbondante che anche i temibili squali sono sempre sazi e raramente attaccano. La Rutland era una delle poche isole abitate dai coloni fuori da quella di Port Blair, la sua foresta è un gigantesco scrigno che racchiude il tesoro del tek , ma per secoli nessuno ha  attinto a questo forziere naturale  fino all’ insediamento di immigrati  , vi trovai all’ un’atmosfera da avamposto che ricordava  vecchi racconti di mare. Un pista attraversa parte della Ruthland per i rilievi nella foresta con i suoi rumori, tra i rami sciamano centinaia di uccelli e nel sottobosco pulsa una vita nascosta, a volte cinghiali o cervi spaventati incrociano la via e si perdono tra i cespugli. La pista termina in spazi disboscati e i rumori i della jungla sono sostituiti dalle grida  che accompagnano il lavoro dei boscaioli, scuri e sudati a colpi d’ascia attaccano le basi degli alberi e continuano a lungo fino ad essere incatenati al giogo degli elefanti e rovinare al suolo per poi essere trascinati scivolando nel mare dove sono legati assieme in attesa di essere trainati da un vecchio rimorchiatore per Port Blair. il lavoro antico e pesante dei boscaioli e la loro isolata comunità che è diventata quasi un’altra tribù andamanese, l’esistenza provvisoria di quei pescatori che non abitano più di un certo periodo nella stessa isola, in uno stretto  rapporto con la natura ormai dimenticato. L’arcipelago è vasto, ma con buona barca a disposizione si impara a conoscere in pochi giorni la zona più pescosa, quella più pericolosa per le correnti e gli squali, i punti dove si concentrano gli animali della foresta per abbeverarsi, i villaggi nascosti e comunità di pescatori che spesso si spostano tra le isole quasi nomadi del mare. Tutte le isole sono stupende e selvagge, solo apparentemente simili, ognuna ha la sua particolarità da scoprire, la disabitata  Gue-a-lue  che emerge tra la barriera corallina  poco distante dalla  Rutland , all’epoca non  era ancora la destinazione turistica dell’ isola Cinque  come la sua  splendida spiaggia sulla barriera corallina  Jolly buoy , solo una  jungla ricca di vita e di animali che rufolano nel sottobosco, arrivando fino alla spiaggia bianca che sprofonda dolcemente nel mare corallino dagli splendidi  fondali  ricchi di pesce. Quando il sole comincia a scendere in mare tutto si tinge di colori speciali, mentre i rumori diurni della foresta si trasformano in quelli della notte, la brezza delicata e tropicale soffia sulle palme sagomate dal tramonto in attesa della luna e sul fuoco del campo il pesce regalato dal mare e ne ricordo l’ atmosfera  da vecchi racconti di mare in queste isole senza tempo.

Articoli Affini

Ti interessa?
Close
Back to top button