Tag "La Via dei Tufi"

Storia scavata nel tufo

La Via dei Tufi, percorso millenario di genti, civiltà, commerci, armate e pellegrini: vi  diramavano le vie dal nord di commerci, pellegrinaggi e armate che transitarono tra il settentrione e il centro italico passando per le piane di Maremma e  l’ Amiata verso la Tuscia a procedere per Roma, ad ovest per l’ Umbria di dove si passava al levantino Adriatico.

Nel lembo di Toscana che si lega da sempre all’antica Tuscia, da secoli i borghi si ergono su colli che dominano verdi intensi di campi solcati da geometrie ocra degli aratri e pastellati dai colori di vecchi casolari, ondulati da colline che limitano boschi arcaici pieni di storie perse nel tempo. Ci si arriva attraverso sfumature di macchiaioli che la natura ha dipinto nella suggestione della Maremma tra la costa etrusca affacciata sull’ intensità del Tirreno e quella dei tufi che si innalzano ripidi, rifugio di antenati nella notte dei tempi prima di civiltà antiche e poi borghi che da lassù si difendevano da scorribande medioevali. Qui le suggestioni della natura si sono generosamente offerte a quelle dell’ uomo che l’ ha modellata con i suoi campi fin dall’ alba dell’ agricoltura che ha generato la storia, testimoniando il suo corso millenario come un libro che si apre con le grotte scavate nel tufo e continua con i resti di villaggi e necropoli, poi castelli, chiese e paesi che nell’ incertezza delle albe e dei tramonti sembrano sospesi tra il cielo e la terra. E’ una vocazione antica, quella di questo territorio che incanta e racconta, da quando l’ uomo ha saputo trovarci l’ equilibrio con la natura, ha narrato il suo incedere nei secoli dipingendo, modellando, edificando e decorando il suo sapere. Dalle scaglie più primitive che lo rappresentavano alle ceramiche mirabilmente create da mani etrusche e lasciate nelle necropoli dai sepolcri decorati, dai resti di arti e mestieri di dominatori che seguirono fino alle austere preziosità del medioevo negli affreschi, dipinti e statue che arricchivano le suggestioni di chiese e palazzi, l’ arte ha da sempre espresso l’ anima di coloro che hanno popolato la zona.

Italia

Sorano

Salendo tortuosa la strada che segue antichi sentieri, Sorano sorge improvvisa cesellata nella rocca di tufo a dominare colli vellutati di verde e campi che variano i colori di stagione,

Italia

Sovana

Dell’ antica Suana (Sovana) etrusca le origini si perdono in un migliaio di anni prima da probabili insediamenti  Villanoviani nel bacino del   Fiora, certo è che nel III sec. a.C. era alleata della

Italia

Pitigliano

La via d’ accesso che  si inerpica tortuosa tra le pareti di tufo è un percorso nella storia che si stratifica dall’antichità villanoviana all’ etrusca e romana, dal medioevo al

Italia

Manciano

Sull’ Aurelia tra Grosseto e Orbetello, ad Albinia una diramazione indica la via per Manciano, territorio ricco di storia con i ruderi del castello Stachilagi, poderosa rocca medioevale disputata tra

Italia

Saturnia

Saturnia Nella mitologia Saturno che generò Giove fu scacciato dal trono degli dèi olimpici e la leggenda persa nella notte dei tempi racconta ch’ egli si rifugiò in questo territorio