Sahara esplorazioni romane

Sahara esplorazioni romane

Le spedizioni romane attraverso il Sahara verso il fiume Niger e il lago Ciad


Oltre i limes africanus

Dopo la terza delle guerre puniche, con la fine di Cartagine sorsero i regni berberi di Mauretania e di Numidia, ma l’incontenibile espansione del romano  impero con le augustee campagne stabilì infine il limes africano e ne fece le province di quell’ Africa proconsularis ove  fiorirono le regioni  di Numidia e  di Mauretania e tali rimasero dal I al VI secolo.

Dalla settentrionale Africa romana ai limiti del Sahara l’ immensa regione splende di antichi insediamenti punici e della romanizzazione ciò che furono i centri  che hanno lasciato i loro siti sulle vie del  nord africano. Avamposto sul limes verso l’ immenso Sahara era l ‘oasi sperduta di Gadames dall’ antico centro che i Tuareg chiamano Tidamensi, di qui affrontavano il deserto per una delle carovaniere attraversando poi il  Sahel fino al Niger , di dove altri popoli conoscevano le  rotte per l’ oceano  remoto.

A sud dei limes africani  fin dalla metà del II secolo a.C. iniziarono i conflitti con le tribù sahariane dei  Garamanti  che controllavano i secolari traffici sulle carovaniere dall’ antico Sahara attraverso il Sahel fino al fiume  Niger e le altre rotte che portavano ai territori sulle coste atlantiche di quello che poi i primi viaggiatori arabi chiamarono “Paese dei Neri” Bilad as’ Sudan. I commerci delle province romane erano  compromessi da questi Garamantes così che come accadeva dappertutto ai limes romani iniziarono le spedizioni contro quel bellicoso popolo nomade e con esse s’ avventurarono nelle profondità del deserto.

Cornelio Balbo

Tra i vari itinerari romani che ho ripercorso il primo fu compiuto da Lucio Cornelio Balbo nel 19 a.C. parti’ da Sabrata con migliaia di legionari della Legio III Augusta passando per Ghadames e poi  a sud dell’oasi di Biskra per oltre cinquecento chilometri fino all’ hammada al- Hamra verso il Tanezrouft procedendo nello wadi Shatii e il centro di Awbari  attraverso il teritorio dei Garamanti ne prese la capitale  Garama  e l’ oasi di Rapsa nel Tadrat Acacus e quindi le altre nel vicino Tassili.

Secondo Plinio scese ad Abalessa e di lì a sud trovò dei fiumi per cui Lhote pensò probabile che avesse seguito quell’ antica pista dei carri che aveva dedotto dalla scoperta dei dipinti rupestri attraverso il desolato Tanezrouft e l’ adrar des Iforhas  giungendo a Gao Tilemisi sul Niger che la popolazione antenata dei Songhai lo chiamava “grande fiume” Isabari.

Le spedizioni a sud del limes Tripolitanus continuarono con Settimio Flacco nel 70 d.C. e di Giulio  Materno sedici anni più tardi, che penetrarono nelle profondità del deserto, ma senza far capire dove arrivarono .Le ricerche di Henri Lhote scoprirono che le spedizioni dai centri nordafricani romani tra i territori dell’ Algeria e la vicina Libia seguirono l’antica pista sulla Via dei carri attraverso il deserto del Sahara fino al fiume Niger.

,  confortato da Plinio che elencando i luoghi dell’ itinerario di Cornelio  Balbo cita Alasi, l’antica Abalessa verso i monti dell’Ahaggar dove sono stati rinvenuti stampi di monete raffiguranti Costantino in una fortificazione. Cita anche Balsa, trascrizione del nome in lingua tamachek tuareg di Ilezy, i rinvenimenti romani di Abalessa sono molto posteriori all’epoca della spedizione, ma le rovine sono simili ad una fortificazione romana precedente.

 La spedizione di Cornelio Balbo aveva raggiunto il Niger attraversando l’ intero Sahara oltre il Sahel sull’ antica pista carovaniera dei carri  aperta mille anni prima che partiva dalla Libia nel golfo della Sirte, passava per Cydamus nell’ oasi di Ghadames, proseguiva per l’ Algeria attraverso l’ Ahaggar per il centro di Abalessa da dove attraversava il Tanezrouft e l’ Adrar des Iforhas  giungendo nel Mali a Tilemisi Gao dove scorre il Niger.

Valerio Festo

Ancora Plinio ci racconta che nel 70 d.C. il legato della Legio III Augusta si avventurò nel territorio dei Garamanti seguendo la prima parte della via di Balbo, ma non menziona i fiumi trovati pertanto avrebbe percorso un altro itinerario dal Tassili per il plateau Djado  traversando  il Tènèrè oltre il massiccio dell’ Air fino all’ oasi di Arlit e quindi la zona ove poi sorse  Agadez, continuando nel la pianura di Gadoufaoua ove si è scoperto un vasto giacimento di fossili dinosauri ouranosaurus nigerensis e Jobaria tiguidensis.

Procedendo a sud la spedizione di Valerio Festo giunse a quel flumen Dasibari trovato da Cornelio Balbo chiamato Girin nella mappatura delle imperiali vie romane nota come cartografia della Tabula PeutingerianaHoc Flumen quidam Grin vocant, alii Nilum ricorrente; dicitur enim sub terra Etyopium in Nylum ire Lacum“, i Tuareg lo chiamano ” fiume dei fiumi” Gber-n-igheren o Ngher, latinizzato in Girin da cui poi Niger. La sua identificazione con il Nilo nelle varie  spedizioni romane e nella Tabula è all’origine di quel mistero che gli esploratori andarono poi cercando per secoli.

Settimio Flacco e Giulio Materno

Claudius Tolomeo nella sua Geografia individua una terra rhinos e un Hippos lacum oltre il Sahara e a sud del Sahel che sarebbe il lago noto come Ciad alimentato dai fiumi Chari e Komadugu Yobe un tempo vastissimo e ormai ridotto a paludi con isolotti sabbiosi che si inseguono negli acquitrini ma ancora popolato da coccodrilli e ippopotami e sulle sponde villaggi di pescatori che convivono con allevatori nomadi in attesa che l’antico lago scompaia nella sabbia del deserto che avanza inesorabilmente.

Marino di Tiro che isipirò Tolomeo racconta che Settimio Flacco partì nel 76 d.C.dalla libica Leptis Magna in Libia per i territori dei Garamantes fino alla regione della capitale Germa e di lì in tre mesi a sud superando il  Tibesti, probabilmente seguendo l’ itinerario che passa per Aouzou e quella che doveva essere un oasi a Bardai arrivando all’ odierna Faya Largeau da dove si traversa la depressione di  Bodèlè  per raggiungere  la Terram Aethiopiae del Ciad ove era quel lago Hippos lacum.

Una decina di anni dopo anche Julius Materno partì da  Leptis passando da  Ghadames e forse Sebha per attraversare il Fezzan raggiungendo Germa da dove  assieme al sovrano di quel popolo viaggiò per quattro mesi passando nell’ oasi di Cufra proseguendo in Ciad  per attraversare l’ altopiano di Ennedi fino all’ odierna Fada e quindi la suggestiva oasi tra le gole di Archei  da dove avrebbe continuato per la pianura di  Abèchè giungendo ai fiumi Bahr Salamat e Bahr Aouk, poco distanti il Chari e il Komadugu Yobe che alimentano il lago poi chiamato Ciad nella regione di Agisymba descritta come terra rhinos ubi aethiopes vivit  da Marino di Tiro e Claudio Tolomeo .

Dalla prima via dei carri e quelle attraverso l’ antico Sahara tracciate nel primo millennio avanti, si sono aperte durante i secoli tutte le altre, carovaniere del deserto che incrociavano l’ Algeria  e il territorio della Libia per l’arido  Sahel fino al fiume  Niger , quelle che raggiungevano il Ciad,  e la via dell’  ovest , la lungo la Mauritania fino al remoto Senegal, le rotte saheliane fino all’ Oceanoe poi il resto dell’ Africa.

Ho cercato di seguire gli itinerari che fin dall’ epoca sono stati percorsi da esploratori, avventurieri e viaggiatori e con essi sento di condividere tra storia e leggenda il fascino profondo che solo le traversate del deserto sanno avvolgere chi le compie.

©Paolo del Papa Viaggiatori ed esploratori. Vol. Africa : spedizioni romane

Photo gallery: Africa North West

Previous Alessandro Magno: il Grande
Next Waorani Aucas

About author

You might also like

Esplorazioni

Pitea

Mari del nord Alla fine del quarto secolo l’ignoto settentrione atlantico  sulle Vie del Nord fu affrontato per la prima volta dal greco Pitea della colonia Massalia, sebbene i suoi

In Africa

Le montagne della Luna

“…i Monti della Luna,che alimentano con le loro nevi i laghi, sorgenti del Nilo…”(Tolomeo) Il mito delle sorgenti La culla della prima e più longeva civiltà della storia taglia il

Medioevo

Odorico da Pordenone

A dispetto del nome Odorico da Pordenone  ebbe natali in Friuli a Udine, come afferma Il Liber certarum historiarum di Johan di Viktring, altre cronache trecentesche  acennano  ad un Odolricus