Le vie dell’Himalaya

Le vie dell’Himalaya


Le aspre condizioni ambientali e climatiche sono state a lungo un ostacolo insormontabile al popolamento delle valli Himalayane, avvenuto molto più tardi delle regioni limitrofe e in un arco di tempo lunghissimo che va dal paleolitico, a cui risalgono i resti più antichi rinvenuti a Burzahom nel Káshimir, fino alle ultime migrazioni in Sikkim nel secolo scorso.  Nelle zone sotto i duemilacinquecento me_trig dal Kashi*mir al Nepal, nel tardo neolitìco cominciarono a svilupparsi insediamenti organizzati di popolazìoni probabilmente imparentate a quella che contemporaneamente si insediò nella Valle dell’Indo fondando la grande civiltà urbana omonima a partire dal 2400 a.C.La civiltà dell’Indo possedeva un enorme estensione territoriale di circa 1300 Km lungo il fiume e circa 1800 Km verso ovest, comprendendo parte della regione subhimalayana Sud occidentale e le vie naturali che collegavano la valle dell’Indo al Kashìmir, ciò fa ipotizzare stretti rapporti con le popolazioni ìnsediate nelle valli della zona, le stesse vie che nei millenni successivi costitutrono una importantissima rotta commerciale tra l’Asia centrale e L’India.Verso la metà del II millennio a C. le potenti tribú nomadi Arya provenienti dall’altopiano iragtico irruppero nel territorio dell’Indo ponendo fine alla secolare cìviltà ed imponendosi etnicamente e culturalmente nel subcontinente indiano dove originarono la grande civiltà hindù, delle antiche popolazioni originarie sono rimaste solo le testimonianze archeologiche della Valle dell’Ind.o e piccoli gruppi che ancora sopravvivono nelle foreste dell’Orissa dove si rifugiarono sfuggendo al dominio indoeuropeo.Gli ariani occuparono anche l’intera fascia subhimalayana organizzandosi in una avanzata società agricola che si sviluppò nella complessa struttura sociale e religiosa hindù come accadde nel resto dell’India una unità culturale che è sopravvissuta fino alla penetrazione buddista e alle pressioni delle popolazioni Tibetane che in seguito si insediarono nelle altro valli himalayane adattandosi perfettamente all’ambiente e alla rigidità climatica.La popolazioni hindù del “basso” Himalaya, pur mantenendo a lungo un’uni'” tà culturale, si costituirono progressivamente in stati indipendenti, inizialmente formati da confederazioni tribali e poi in veri e propri regni, tra cui il Kashtbffik che acquistò un ruolo determinante nei commerci tra India e Cina con la sua posizione geografica e le caratterístiche ambientali che ne facevano ùn passaggio obbligato delle rotte carovaniere dell’Asia Centrale e il Turkestan cinese verso la Valle dell’Indo.Con il controllo di questa importantissima rotta carovaniera, il Kashmir ebbe un grande sviluppo economico e culturale, sotto il re Lalitáditya il regno ebbe la sua massima espansione dal Laddakh al Punjab divenendo un grande centro di cultura sanscrita.L’accresciuta potenza economica permise al sovrano grandi investimenti in opere pubbliche, centri urbani, nuovi sistemi di irrigazione e importanti centri culturali quali il tempio di Mártánda dove si svilupparono grandi scuole di shivaismo e buddismo in un clima di tolleranza e collaborazione voluta dagli studiosi “Bhaita” o “Pandit Kashmir” che furono a lungo i maggiori depositari della tradizione sancrita nell’intera regione settentrionale del subcontinente indiano.Nel frattempo, le tribù tibetane che tra il VI e il VII secolo si erano insediate nel Ladakh si convertirono progressivamente al buddismo e nel IX secolo un discendente dei primi sovrani tibetani le aggregò fondando il primo regno del Ladakh che si estendeva dal passo Zoji-la ad ovest a Ruthong ad est, ma ben presto si stabili una sorta di regime di principati attorno a monasteri fortificati o cittadine quali Tingsmogang, Basgo e Shey.Nell’XI secolo il sovrano Lhachen Utpala riunificò il regno sotto la sua autorità, vi incorporò le regioni dello Zanskar, Kulu e Purang, sottraendo definitivamente al Kashmir il controllo di buona parte della rotta carovaniera con il Turkestan cinese, poi l’invasione islamica travolse il regno confinante nella sua irresistibile avanzata verso l’India.Tutto il Kashmir fu progressivamente convertito fino al Kargil al confine con il Ladhak la cui tenace resistenza e le difficoltà ambientali del territorio montuoso fermò l’avanzata islamíca nell”lalto”Himalaya, cosi anche la “Via del Kashmir” tra Asia centrale, Cina ed India entrò a far parte di quetlimmenso ed articolato sistema di rotte commerciali del mon~ do islamico che ne fece una . delle più grandi potenze economiche della storia.Nell’VIII secolo le tribù Newar che colonizzarono la Valle di Kathmandu fondarono il primo regno nepalese che in breve riusci a controllare i valichi himalayani con il Tibet, favorendo l’apertura di un’altra via carovaniera tra Cina ed India che passava per il Tibet e il Nepal in alternativa a quella che si diramava dalla “Vìa della Seta” aggirandol’Hindokush e passando per il Kashmir verso la Valle dell’Indo.Ciò permise al Nepal un notevole accrescimento della pvopria potenza economica e politica, staccandosi dall’influenza indiana ed accogliendo la penetrazione buddista, come testimoniano i templi edificati in quel periodo a Kathmandu e Lalitpur, l’attuale Pathan.Il Nepal riusci a resistere alle pressioni islamiche da occidente e da sud, diventando il rifugio per hindù e buddistí fuggiti dal Kashmìr e dall’India nord occidentale; l’unica via commerciale dalla Cina all’India non controllata dall’Islam rimase quella delle alteepiste Tibetane che permetteva di raggiungere il regno nepalese e da qui la Valle del Gange.

Da: Paolo del Papa Il sistema carovaniero Himalayano Ed.Igm, Firenze

Previous Tibet
Next Bengala

About author

You might also like

Storia

Vie delle Alpi

Sorsero increspandosi alte tra il Mesozoico e il Cenozoico come corona rocciosa della penisola italica e Sesto Pompeo Festo dice che dall’ albus splendente delle  sue nevi ne venne il

Egitto

Egitto storia millenaria

“Io sono l’Oggi. Io sono l’Ieri. Io sono il Domani. Attraverso le mie numerose Nascite io sussisto giovane e vigoroso. Io sono l’ Anima divina e misteriosa che creò gli

India Himalaya

Orissa

Tribù  preariane dell’Orissa In una di quelle bibliche migrazioni dell’antichità,nel II millennio a.C.alcuni popoli provenienti dall’altipiano iranico dilagarono nel mondo,a ovest raggiunsero l’Europa e ne sottomisero le popolazioni originando i