Indipendenza del Messico

Indipendenza del Messico


Dal XVIII secolo iniziò il rapido periodo di decadenza della decadenza di quella che era la potente ed imperiale  Spagna e all’ inizio del secolo successivo dappertutto si accesero i moti d’ indipendenza nelle colonie dell’ America Latina che portarono alla costituzione degli stati nazionali e anche  nella vecchia Nueva España iniziarono i conflitti per l’ indipendenza messicana. Nella regione di Guanajauto la prima rivolta contro il dominio coloniale fu guidata dal religioso Miguel Hidalgo nel 1810, duramente repressa e finita con la sua esecuzione l’ anno dopo, poi continuata nella Sierra Madre guidata dal’ atro religioso meticcio  Josè Morelos anch’ egli finito fucilato nel 1815. Dalla dura repressione dei poveri contadini  peones insorti sopravvisse un manipolo di irriducibili rifugiati nella Sierra Madre del Sud che iniziarono una guerriglia contro gli spagnoli condotti da  Vicente Guerrero che nel 1821 accettò la proposta di alleanza con il generale spagnolo Agustìn Iturbide repressore delle precedenti rivolte per costituire un nuovo stato indipendente.  Al fine delle trattative venne stipulato l’ Atto di Cordoba  nell’ agosto 1821 e l’ ultimo vicerè spagnolo della colonia Juan O’Donojù ne riconobbe l’ indipendenza iniziandone la  storia e  lunga lista dei Capi di Stato succeduti tra conflitti e  rivoluzioni. L’ anno dopo il generale  Iturbide  con il nome di Augustìn I venne sovrano del primo Impero messicano, la reggenza durò solo un anno fino a quando non venne spodestata dai repubblicani e l’ esercito del generale Antonio de López de Santa Ana  meglio noto come  Santana che inaugurò la lunga serie di colpi di stato nella storia messicana e venne proclamata una Repubblica Costituente nel settembre del 1824. Nel settentrionale stato messicano del Texas si scatenò la rivolta  che cercò di reprimere quella  che era divenuta una guerra per l’ indipendenza texana, ma dopo qualche vittoria come quella nella leggendaria battaglia di  Alamo  nel 1836, le armate si Santana vennero sconfitte definitivamente a San Jacinto dove il generale venne catturato rimanendo prigioniero per due anni, mentre veniva proclamata la repubblica indipendente del Texas poi entrata nella federazione degli Usa. Una volta liberato  Santana riprese la presidenza nel 1841, per poi essere spodestato ed esiliato tre anni dopo, tornò al potere  allo scoppio della guerra con gli Usa  nel 1846 di nuovo sconfitto ed esiliato l’ anno successivo, riuscì ancora una volta a tornare nel 1853, ma la sua ultima dittatura durò solo due anni, quando  venne rovesciata da un’ altro colpo di stato. Nel frattempo anche la  vecchia colonia spagnola della California, che era divenuta uno stato messicano conteso dalla popolazione di origine nordamericana, si rese indipendente dopo la guerra con gli Usa  terminata  con la sconfitta messicana  e  l’ imposizione ai vinti  del trattato stipulato nel 1848 a Guadalupe Hidalgo  che ridisegnò i confini a nord  con vasti  territori  settentrionali  che assieme alla California passarono  agli Stati uniti in quella che fu chiamata  la Cessione Messicana. Da quel periodo si alternarono veri regimi con le dittature di Bustamante, del  potente Gran maestro della Loggia  Massonica messicana Nicolàs Bravo, oltre a centinaia di rivolte, insurrezioni e tentativi di restaurazione coloniale  , fino al 1861 con la presidenza di Benito Juàrez che si ritrovò un paese dall’ enorme debito con le potenze europee decidendo di sospendere il pagamento degli esorbitanti interessi e provocando l’ Intervento francese. Nel 1862 le truppe inviate da Napoleone III conquistarono in breve  il paese  sbaragliandone la resistenza per poi imporre la restaurazione di un’ Impero messicano sotto l’ arciduca Massimiliano d’Asburgo salito al trono come  Massimiliano I che nel suo effimero regno cercò di attuare riforme osteggiate dai conservatori, nel frattempo vi fu una delle prime pesanti ingerenze  statunitensi con l’ opposizione al nuovo governo dettata dalla loro  perversa Dottrina Monroe  che aveva stabilito la supremazia sull’ intero continente americano, così nel 1867 Napoleone III ordinò il ritiro dell’ armata francese e la consorte imperiale Carlotta cercò invano tra le potenze europee appoggi al regno del marito non facendo mai ritorno in Messico, rimasto solo Massimiliano d’Asburgo si rifiutò di lasciare il suo decaduto impero assediato a Querétaro ove venne catturato e fucilato. Terminato il breve impero tornò la repubblica che riconfermò Benito Juàrez presidente, ne continuò la politica liberale ad anticlericale il successore  eletto nel 1872  Lerdo de Tejada, ma quattro anni dopo si tornò all’autoritarismo conservatore quando  prese il potere il generale di origine meticcia Porfirio Dìaz dalla lunga e nefasta dittatura ricordata come l’ autoritario periodo del  Porfiriato.

Precedente La Nuova Spagna: Messico coloniale
Successivo La Rivoluzione Messicana

L'autore

Potrebbe interessarti

America

La Rivoluzione Messicana

Indice articoli La storia del Messico La Nuova Spagna: Messico coloniale Indipendenza del Messico Stati Uniti del Messico Narcotraffico in Messico: un impero di violenza Nel frattempo si era acceso

America

Stati Uniti del Messico

Indice articoli La storia del Messico La Nuova Spagna: Messico coloniale Indipendenza del Messico La Rivoluzione Messicana Narcotraffico in Messico: un impero di violenza Nel caotico periodo seguito  dopo la

America

Narcotraffico in Messico: un impero di violenza

Indice articoli La storia del Messico La Nuova Spagna: Messico coloniale Indipendenza del Messico La Rivoluzione Messicana Stati Uniti del Messico La situazione messicana, le ingerenze statunitensi e l’aumento della