Guglielmo di Rubruck

Guglielmo di Rubruck

L’ Itinerarium fratris Willielmi del missionario fiammingo Guglielmo di Rubruck attraverso la Russia sulle vie della Mongolia


Il fiammingo Guglielmo di Rubruck Willem van Ruysbroeck, ordinato nei Fratrum  Minorum inizò la sua opera missionaria e di gran viaggiatore su incarico del sovrano francese Luigi IX per sincerarsi sulla conversione cristiana di Sartaq Khan condottiero del  Kök Orda Blu e dell’ Orda d’Oro. Nell’anno di grazia 1253 raggiunse la Terrasanta per proseguire a Costantinopoli e su un vascello veneziano nel Mar Nero assieme al servo Nicola, il chierico Gosset, l’ interprete Homodei e il frate Bartolomeo da Cremona.

Guglielmo di Rubruck: la sua opera missionaria

Sbarcato a Sudak nel teritorio delle  colonie genovesi della crimea Gazaria devastata dai Cumani  Kipčaki e dalle incursioni dei  Tatari, proseguì nella Rus’ ucraina invasa dai mongoli come gran parte delle  immense pianure della Russia dove risalì il fiume Don che chiamò Tanai per incontrare il principe  Sartaq che lo inviò al padre  Batu Khan regnante sul Kipchakh  dominio della potente Orda d’ Oro . Viaggiando per quattro mesi ad est attraversò il fiume Ural chiamato Igac proseguendo sulla carovaniera della Persia settentrionale raggiungendo  a fine novembre il lago  Balqaš nel remoto Kazakistan dopo aver percorso tremila chilometri in poco più di due mesi.

Viaggio in Mongolia itinerario

Itinerario di Rubruck

Viaggio in Mongolia

Da qui in Mongolia oltre il lago  Alakol e il fiume Ulungur traversando  i monti Altaj Nur. Finalmente poco dopo il Natale del 1253 Guglielmo raggiunse il campo di Munke Möngke Khan  per sostarvi prima di proseguire per la capitale mongola di Karakorum  raccontando incontri con ambasciatori, officianti delle varie religioni  con i loro riti  monaci buddisti , cristiani di fede nestoriana, le per lui oscure pratiche sciamaniche e luoghi che andava attraversando. I propositi missionari ebbero ben pochi risultati e il Khan lo invitò a ritornarsene seguendo una carovana all’inizio di luiglio 1254 recando una missiva ove Möngke Khan intimava al re di Francia Luigi IX la sottomissione dell’ occidente  all’impero mongolo.

viaggio in mongolia guerriero mongolo

Guerriero mongolo

Percorse l’ itinerario dell’andata tornò al campo di Batu Khan a metà settembre ritrovandovi il servo Nicola e il chierico Gosset. A metà ottobre proseguì lungo il mar Caspio raggiungendo Naxum in  Azerbaigian e poi Shanshé nel regno di  Georgia all’ epoca in mano mongola  sostandovi prima di ripartire per l’ Armenia Zakaride fino alla capitale Ani Abnicum  dalle centinaia chiese oggi ormai in rovina.

Di lì prese la carovaniera attraverso la Turchia anatolica fino al sultanato di  Rum  Selçuklu Devleti dei Selgiuchidi  islamizzati giungendo a Konya che ne era capitale. Proseguì sulla costa nel regno di Cilicia dell’ Armenia Minor a Korycos imbarcandosi per la cristiana Cipro ove giunse a metà giugno, ripartendo sempre in terre cristiane  fino alla città di  Antiochia capitale dell’ omonimo  principato ove giunse il  29 giugno 1255 dopo aver percorso dodicimila chilometri in gran parte a piedi tra la Turchia, i territori dell’Iran settentrionale, le pianure della Russia e le vaste steppe della Mongolia .

Un viaggio in Mongolia straordinario raccontato mirabilmente nel suo Itinerarium fratris Willielmi de Rubruquis de ordine fratrum Minorum, Galli, Anno gratia 1253 ad partes Orientales. consegnato al re Luigi IX in Francia, che assieme al Milione del grande veneziano  Marco Polo, fu uno dei capolavori della letteratura di viaggi medievale.

Estratto da: Paolo del Papa Viaggiatori ed esploratori. Vol. Asia : Medioevo,Gli europei. ©

 

Photo Gallery: Le Vie della Seta | Russia Roads | Asia Central

Previous Giovanni da Pian del Carpine
Next Odorico da Pordenone

About author

You might also like

Esplorazioni

James Bruce

Il vigoroso gentiluomo di campagna scozzese appassionato di viaggi e avventure James Bruce, nel 1763 fu console britannico in Algeria interessandosi ai  siti dell’ Africa romana algerini quando fu sostituito

Esplorazioni

Savorgnan di Brazzà

Nel cuore dell’Africa Pietro Savorgnan di Brazzà nacque a Roma suddito del papa re nel 1852, mentre gli inviati della Royal Geographical Society e altri esploratori anche italiani si avventuravano

Esplorazioni

Cartografia medievale dell’Asia

L’ incerta figurazione del mondo “….Poi il Signore Dio piantò un giardino in Eden, a oriente, e vi collocò l’uomo che aveva plasmato….”   Antico Testamento, Genesi Nella cartografia medioevale l’