Itinerari in Africa

Grandi itinerari

Via del Nilo: tra sorgenti e cascate

Il fiume Nilo scorre per seimila e seicentosettanta chilometri dal cuore dell’ Africa al Mediterraneo, è il secondo corso d’acqua più lungo del mondo e l’ interminabile bacino fu la prima via trovata dall’uomo per muoversi dalla sua culla e raggiungere lentamente il resto del mondo, se è vero che egli lasciò il suo originario stato animale nelle savane africane e divenne sapiens per prendere possesso della terra. Risalirne il corso è un viaggio a ritroso nella storia fino a dove si confonde con il mito ed essa sfuma, avvicinandosi alle sue sorgenti nelle profondità dell’ Africa, dalla civiltà alla comunità umana che si perde in villaggi, tribù e clan, poi negli accampamenti dei nomadi e infine nei rifugi nascosti degli ultimi

Africa

Sahara la via dell’ ovest

Sugli itinerari carovanieri dal Marocco al Senegal Dal Marocco al Sarawi Tra le vie sahariane la più occidentale è quella che dal Marocco scende tra la costa atlantica e il deserto fino al lontano Senegal , le coste erano note dall’ epico viaggio del  cartaginese Annone nel V secolo a.C., poi dimenticate fino al prtoghese Alvaro Fernandes che le navigò tracciandone la mappa a metà del XV secolo e ne seguirono molti altri, ma nessun europeo prese mai quella via dominata da reami e nomadi berberi, il primo fu l’esploratore  francese Camille Douls che nel 1887 ci si avventurò travestito da arabo. Poi la storia ebbe il suo corso rendendola più agibile a militari, mercanti, viaggiatori e avventurieri quando l’

Grandi itinerari

Le vie degli schiavi

Sulle rotte dei negrieri dal Senegal al Golfo di Guinea Con una ventina di minuti in battello da Dakar si raggiunge Gorée,l’isoletta vulcanica al largo della capitale senegalese dove la domenica sbarca una folla variopinta che va a trascorrere una giornata di svago lontano dal caos di una città cresciuta troppo in fretta, un luogo per una gita a buon mercato, ma tutti ricordano che è anche il simbolo di un lungo e drammatico capitolo di storia africana scritto sulla pelle dei loro antenati.Gli olandesi la chiamarono “buona rada” goe reed, ma per gli equipaggi europei era semplicemente “la gioiosa”, dove potevano abbandonarsi a divertimenti ed orge in attesa che le loro navi caricassero uomini, donne e bambini strappati ai

Grandi itinerari

Dal Sahel all’Oceano

Dal Sahel all’Oceano Sulle piste dell’Africa occidentale Fin dall’antichità il fiume Niger ha accolto le carovane che attraversavano il Sahara dalle lontanissime regioni settentrionali dell’Africa mediterranea e berbera,popolazioni e culture diverse tra loro si incontravano nei grandi mercati sul “Fiume dei Neri” dove le merci venivano scaricate per essere imbarcate sulle grandi piroghe verso i centri dei potenti regni neri del Mali e Songhai,per secoli isolati dal resto del mondo e accesso all’Africa che si stendeva a sud misteriosa ed immensa con le sue savane e foreste tropicali.Dopo la via fluviale le antiche rotte verso l’Africa Nera riprendevano le piste carovaniere che raggiungevano il Golfo di Guinea o la costa dell’Atlantico,completando un immenso sistema di vie commerciali che collegava il

Africa

Sahara

Sugli itinerari delle antiche carovane La leggenda ce l’ ha consegnato come una sterminata distesa di sabbia disseminata da oasi e attraversata da lunghe carovane che procedono lente tra le dune, ma il più vasto deserto del mondo lungo il tropico del Cancro dall’ Atlantico al Mar Rosso, è molto più vario e spettacolare e non vi è termine per definirlo se non quello arabo di Sahara, uno sterminato e indescrivibile “Vuoto”.Le vaste regioni sabbiose erg si stendono come mari di dune ondulate incessantemente modellate dai venti, ma coprono solo un quinto del deserto, il resto è occupato dalle sconfinate pianure pietrose dei regs, le lunghe depressioni degli chotts e sebkhas che a volte ricevono le acque delle scarse piogge

Grandi itinerari

Paesi Vudù

Grande Toxosu che spezzi le barche sull’acqua. / La madre non riesce a portarti. / Un piede non basta per sostenerti. / Possessore di ricchezza. / Grande fanciullo che non si può portare sulla schiena. / I suoi genitori l’avevano rifiutato, ma sono stati costretti adaccoglierlo. / Ascolta re, possessore di ricchezza. Una capra ha messo almondo un montone. / Una liana contorta non mette ai mondo un ferro./Luce che spazza il terreno. / Il  bambino ha rotto le zucche e la madre non ha potutovenderle. / Tu porti i bagagli, ma la schiena non ti duole. / Anche se è notte il mondo non va a dormire. / Possessore di ogni ricchezza! / La freccia che cade nell’acqua non uccide il coccodrillo. / Rabbia maschile nel mare. / Grande scopa che pulisce la superficie